BENESSERE

La pillola anticoncezionale può diminuire la fertilità?

Se stai prendendo la pillola e vuoi provare ad avere un bambino, il consiglio è quello semplicemente di interrompere l'assunzione. L'anticoncezionale non diminuisce la fertilità della donna, anzi. Per pianificare la gestazione, meglio farsi seguire da un medico.
LEGGI IN 1'

Vuoi tanto avere un bambino, ma stai prendendo la pillola. L'anticoncezionale può ridurre la fertilità? È una domanda che le donne si fanno spesso. Non ti devi sorprendere se potresti rimanere incinta subito dopo aver interrotto l'assunzione. Uno studio del 2002 della Brunel University nel Regno Unito mostra che le donne che hanno assunto contraccettivi orali da almeno cinque anni sono in grado di concepire con la stessa facilità dei non utilizzatori. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che le donne che hanno preso la pillola a lungo hanno maggiori probabilità di rimanere incinte tra sei mesi e un anno.

I futuri genitori possono tirare un sospiro di sollievo, dal momento che questi risultati confutano ricerche più vecchie suggerendo che la pillola ritardava il concepimento. È un antico falso mito. Dopo l'assunzione dell'ultima pillola, i livelli di ormoni diminuiscono immediatamente, consentendo alle donne di tornare ai loro normali livelli di fertilità immediatamente e senza alcun effetto sulla fertilità futura.

I contraccettivi orali, inoltre, favoriscono un ridotto rischio di cancro dell'ovaio e dell'endometrio e tassi più bassi di anemia (poiché le donne hanno periodi più leggeri e perdono meno ferro). Se hai dunque deciso di interrompere la pillola, non ti resta che fare gli esami del sangue e prendere da subito le vitamine prenatali. Le coppie che hanno tentato di rimanere incinte per un anno senza successo dovrebbero vedere il medico per una valutazione, che potrebbe avere a che fare con la fertilità maschile. Insomma, non deve essere colpa per forza della donna.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione