ORTO E GIARDINO

Petunie e surfinie: storia e significato

LEGGI IN 2'

Le petunie e le surfinie regalano allegria e colore ai nostri giardini e ai balconi nella bella stagione e anche in autunno. Si tratta di fiori molto diffusi e apprezzati, per il loro aspetto e anche per la facilità di coltivazione e per la versatilità per la quale si possono usare come fiori riempitivi per le aiuole o come vasi e cestini decorativi.

Ma quale storia nascondono i fiori a forma di tromba o imbuto? E quale è il loro significato? Facciamo un quadro sulle curiosità che riguardano le petunie e le surfinie, che presentano una differenza nel portamento, visto che le surfinie sono pendenti e ricadenti con ramificazioni.


Petunie e surfinie: la storia
Le petunie sono originarie del Brasile: il loro arrivo nel nostro continente, in Europa, avviene nel ‘700 -800 e appassiona i giardinieri che sperimentano diversi ibridi, con nuovi colori e fiori doppi.

Le surfinie, invece, sono un ibrido più recente. Infatti, vengono ricavate in Giappone tra la fine degli anni 80‘ e gli inizi degli anni ’90 e originariamente sono introdotte da Suntory Flowers Ltd. e MNP. Il nome deriva dall’unione delle parole “surfin” e “petunia” in quanto ricordano delle onde, la prima surfinia è viola.


Petunie e surfinie: il significato
Sembra incredibile, eppure, a dispetto del loro aspetto gioioso e bellissimo, nel corso dei secoli, il significato delle petunie ha oscillato tra una connotazione positiva e una negativa. Infatti, soprattutto nell’era vittoriana, possono significare astio, risentimento, disprezzo per la persona che le riceve: forse per questo la zia di Harry Potter si chiama Petunia Dursley?

D’altra parte, le petunie rappresentano anche l’amore esplosivo e senza confini. Inoltre, sembra che venissero coltivate tra i fiori dei giardini della Madonna.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta