INTERPRETAZIONE DEI SOGNI

Perché ci sono persone che non ricordano i sogni?

LEGGI IN 2'

Ricordarsi i sogni ti sembra facile? Ci sono persone che al mattino riescono a raccontare per filo e per segno quello che hanno immaginato nella loro mente durante la notte, con dovizia di particolari che è semplicemente impressionante. E altre persone che, invece, non ricordano nemmeno una di quelle immagini apparse durante il sonno più profondo. Ti sei mai chiesta il perché di tutto questo? Perché ci sono persone che non ricordano i sogni e altre che, invece, li rammentano alla perfezione?

I neuro scienziati esperti nel campo della medicina del sonno sottolineano che per ricordare alla perfezione i sogni devono verificarsi una serie di situazioni che consentono al risveglio di rievocare i propri sogni. C'è chi dice, infatti, che servono la motivazione o la curiosità legata al sogno, che ci spinge a ricordarli, ma anche l'assenza di attività o pensieri che quando ci svegliamo possano interferire con la nostra memoria collegata alle diverse fasi del sonno.

Se queste due condizioni si verificano, allora l'attività onirica sarà facile da ricordare, andando a ritroso nel tempo: si ricordano prima le immagini apparse più vicine al momento della sveglia, per andare indietro per tirare le fila della trama dei nostri sogni. Gli esperti sottolineano che non è solo attitudine o fortuna, ma anche una serie di fattori che ci consentono di ricordare i sogni. Non è un caso se rammentiamo meglio quelli apparsi nella nostra mente nelle notti di giorni non lavorativi, ad esempio durante il weekend. Perché abbiamo meno pensieri e possiamo concentrare la mente su quello che abbiamo sognato.

Ricordare i sogni che si fanno di notte potrebbe anche un interessante approfondimento che la neuroscienza e la medicina del sonno possono indagare ancora più a fondo, per poter capire effettivamente perché ci sono persone che sono ottimi rievocatori dei sogni (ne ricordano almeno 3 sogni a settimana) e ci sono pessimi rievocatori dei sogni (che ne ricordano, quando va bene, uno al mese).

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta