PSICOLOGIA

Metodo Kaizen per cambiare il proprio stile di vita

Cercare di cambiare la propria vita non può essere un evento traumatico, soprattutto dopo i 40 anni. Se non sei una persona con una valigia sempre pronta, puoi però cercare un'evoluzione lenta e molto personale.
LEGGI IN 2'

Cambiare il proprio stile di vita non è semplice, soprattutto quando si è molto abitudinari o si svolge un lavoro che non permette grandi modifiche. E poi bisogna anche ammettere un altro problema: invecchiando è diventa più difficile adattarsi alle novità. Il metodo Kaizen aiuta a identificare le cattive abitudini e a correggerle a poco a poco con piccolissime azioni. Kaizen significa cambiamento o miglioramento in giapponese ed è una tecnica molto dolce. Non ti rivoluzionerà la vita improvvisamente. Come si applica?

Prima di tutto devi analizzare le tue abitudini e identificare i comportamenti che ti fanno male alla salute o ti rendono più complicata la routine. È una presa di coscienza. Questa nuova consapevolezza non deve però restare nella tua mente: scrivi tutto. In che modo? Puoi fare uno schema, prendendo in considerazione le aree della tua vita (lavoro, casa, famiglia, matrimonio, figli, salute, peso…).

A questo punto scegli che cosa devi cambiare. Non puoi ovviamente rivoluzionare tutto, ma puoi fare piccole e sostanziali modifiche.  Se, ad esempio, decidi di fare una passeggiata, imposta un percorso sul tuo tragitto giornaliero o su un altro tragitto giornaliero durante il quale camminerai di più.

Ovviamente ci saranno dei periodi di dubbio o in cui la motivazione non sarà alla stelle. È normale. Sii gentile con te stesso e con i tuoi progressi. E per ritrovare la voglia di migliorare, stimolati con delle app o magari condividi i tuoi pensieri con qualcuno che ti può capire o che sta affrontando lo stesso percorso. L’unico limite sei tu. Parti quindi sempre da te.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta