COSA MANGI?

L'asparago

LEGGI IN 1'

L'asparago

L’asparago (Asparagus officinalis L.), una delle verdure più tipiche della Primavera, è una pianta originaria dell’Asia. La parte commestibile dell’asparago sono i turioni, ovvero i germogli, che spuntano dal terreno e che devono essere raccolti prima che continuino la loro crescita sviluppando foglie, fiori e frutti.

Le varietà di asparago che si trovano sui banchi del supermercato sono diverse e si differenziano a seconda della zona. Tra i più famosi si hanno gli asparagi di Bassano del Grappa e di tutta la zona vicentina tra Cartigliano e Marostica, le cui caratteristiche sono il colore bianco rosato e la straordinaria morbidezza. Gli asparagi Mary Washington, invece, si riconoscono perché verdi e dal sapore dolce mentre gli Argenteuil o Napoletani sono bianchi e dal gusto più amarognolo. Al momento dell’acquisto, è importante verificare che la verdura non sia vecchia e legnosa, ecco allora che gli asparagi dovranno avere germogli dritti, sodi e privi di ammaccature. Una piccola attenzione anche per la punta che deve essere chiusa, unita e dura.

Per conservarli è necessario avvolgerli in un panno prima di riporli in frigorifero, dove possono rimanere per un massimo di quattro giorni. Ideali per saporiti contorni, gli asparagi sono usati per preparare zuppe, frittate, salse, lasagne e svariati altri piatti senza dimenticare il famoso ‘uova e asparagi’.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione