IDEE IN CUCINA

Elogio della zucchina

LEGGI IN 2'

Apprezzate per il loro basso contenuto calorico oltre che, naturalmente, per il sapore accattivante e la versatilità d’utilizzo, le zucchine sono molto amate, ma non quanto meriterebbero. In effetti, non figurano tra gli ingredienti dei piatti più nobili e passano spesso in secondo piano rispetto ad ortaggi di stagione dal gusto più deciso come pomodoro e peperone. Tuttavia non c’è verdura più indicata della zucchina per una corretta alimentazione durante l’estate. Scopriamo insieme perché.

  • Pochissime calorie!
    Gli oblunghi ortaggi verdi della famiglia delle cucurbitacee contengono appena 11 calorie per etto. Solo i finocchi, con 9 calorie per etto, riescono a superarle. Dunque sono un ottimo alimento per chi vuole tenere sotto controllo la linea senza rinunciare al sapore.

  • Tantissimi minerali
    A differenza del bassissimo contenuto calorico, l’apporto di minerali è davvero considerevole. Dato tanto più rilevante in estate quando, per il caldo e l’abbondante sudorazione, è più facile perdere molti sali minerali che devono essere integrati con l’alimentazione. In particolare in 200 grammi di zucchine troviamo:
    - Oltre 500g di potassio (1/6 della quantità giornaliera raccomandata) - 1,8g di zinco
    - 50mg di magnesio
    - 22mg di vitamina C (1/3 del livello giornaliero consigliato)
    - vitamine E, B1, B2
    - 100mcg di acido fiolico (metà della quantità giornaliera consigliata)
    - luteina e zeaxantina, due antiossidanti che proteggono gli occhi dalla degenerzione della macula lutea, la causa più frequente di cecità nei Paesi industrializzati.

  • Tanta acqua!
    Le zucchine sono fatte per il 95% di acqua. Ecco perché risultano un piatto gradevole e dissetante durante la stagione calda. Inoltre contribuiscono non poco all’apporto idrico quotidiano di cui necessita l’organismo (almeno 2 litri).

  • Versatilità
    Le zucchine sono buonissime grigliate, ma anche rosolate con un filo d’olio, lessate… Meglio assumerle crude o cotte? Luteina e zeaxatina si assorbono più efficacemente dagli ortaggi cotti, meglio ancora se in presenza di pochi grassi (un condimento leggero). Tuttavia la vitamina C e l’acido folico si trovano in maggior quantità negli ortaggi crudi. L’ideale è quindi alternare le zucchine crude a quelle cotte, per trarne il massimo beneficio. Semmai a quelle lessate vanno preferite le zucchine al vapore, in padella, al forno o alla griglia. Questo perché i principi nutritivi si disperdono nell’acqua di cottura – a meno che non si riutilizzi l’acqua per la minestra -. Per quanto riguarda le deliziose zucchine fritte, il basso contenuto calorico di partenza non ce le vieta, purché fatte di rado e con intelligenza, cioè poco cotte in poco olio.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione