MAMMA E BAMBINO

Fontanella: come curare la testa del neonato

LEGGI IN 2'

La fontanella è forse punto più delicato nel corpo del bambino. In realtà, le fontanelle sono due: una più grande (fontanella anteriore) e una più piccola (fontanella posteriore). Queste aree più morbide sono costituite da ossa del cranio immature che si stanno ancora formando e si espandono man mano che il cervello del bambino cresce.

A cosa servono

  • Permettono alle placche ossee del cranio di comprimersi e sovrapporsi mentre la testa passa attraverso lo stretto canale del parto durante il parto vaginale
  • Permettono al cranio di un bambino di espandersi, lasciando spazio alla rapida crescita del cervello che avviene nel primo anno.

Nei primi mesi del tuo bambino, entrambi i punti deboli dovrebbero essere aperti e piatti. A circa 2-3 mesi di età il punto debole nella parte posteriore della testa del bambino potrebbe chiudersi. Il punto debole nella parte anteriore potrebbe chiudersi verso 18 mesi.

Come prendertene cura

Finché tocchi delicatamente i punti molli del tuo bambino, ad esempio, quando lo tieni in braccio e gli sostieni la testa e il collo o quando gli lavi i capelli, non devi temere nulla. C'è una membrana spessa e resistente appena sotto il cuoio capelluto che protegge il suo cervello, quindi toccare delicatamente le fontanelle non farà male.

Per garantire che la testa del tuo bambino sia protetta, è una buona idea ricordare ad amici, familiari e operatori sanitari di stare attenti e gentili con la testa del tuo bambino.

Se pulsa?

È del tutto normale: il sangue pulsa attraverso il corpo del tuo bambino e questo movimento a volte può essere visibile dove si trova il punto debole. Non c'è bisogno di preoccuparsi se vedi pulsare il punto debole del tuo bambino.

Quando preoccuparsi

  • Se ti sembra sia affossata
  • Se bagna meno pannolini bagnati
  • Se ha gli occhi infossati
  • Se ha la bocca asciutta
  • Se soffre di sonnolenza eccessiva
  • Se soffre di irritabilità.
  • Se piange senza sosta
  • Il tuo bambino non mangia
  • In caso di vomito
  • Convulsioni
  • Scarico o sangue dalle orecchie o dal naso
  • Difficoltà a svegliarsi dopo il sonno.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta