NOTIZIE D

Fino a quando si può fare il 730

LEGGI IN 2'

Estate è tempo di dichiarazione dei redditi. Lo sappiamo che la mente è già alle vacanze o alle possibili partenze verso lidi esotici, alla scoperta della bella Italia oppure verso una meta di montagna per il relax. Ma sarebbe bene informarsi correttamente su tutte le scadenze che potrebbero esserci, anche per preparare tutto il materiale per fare una dichiarazione precompilata, andare dal commercialista di fiducia o farsi aiutare da un patronato sindacale. Fino a quando si può fare il 730 quest'anno?

Nel 2021 molte scadenze sono state prorogate. Quello che sappiamo da fonti ufficiali è che la dichiarazione precompilata accettata o modificata o integrata può essere inviata all’Agenzia delle Entrate può essere già inviata e c'è tempo per presentarla entro il 30 settembre 2021. Mentre per il modello Redditi Persone Fisiche la data ultima prevista è quella del 30 novembre. Dal 19 maggio scorso con il provvedimento n. 113064 del 7 maggio 2021 l'Agenzia delle Entrate ha dato il via libera per la presentazione della domanda, che può essere inviata telematicamente.

Dopo l'invio e di solito entro 5 giorni, l'Agenzia delle Entrate rimanda una ricevuta con il numero di protollo telematico e contenente alcuni dati fondamentali, come la data di presentazione della dichiarazione e un riepilogo dei dati contabili più importanti.

Come accedere alla dichiarazione dei redditi precompilata

Basterà entrare nella propria area autenticata sul sito dell'Agenzia delle Entrate, usando le credenziali dispositive Fisconline rilasciate dall’Agenzia delle Entrate, l'identità SPID, la Carta Nazionale dei Servizi, la Carta d'identità elettronica, le credenziali dispositive rilasciate dall’INPS o dalla Guardia di Finanza o da altri soggetti.

Sempre in quest'area ogni iscritto può visualizzare la sua domanda e stamparla, ma anche integrarla prima di inviarla. Attraverso la stessa sezione si possono anche comodamente versare le somme che eventualmente devono essere pagate con modello F24 già compilato e si può indicare l'IBAN nel caso, invece, debbano essere accreditati dei rimborsi.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta