CASA SICURA

Disinfettare la casa: attenzione a non esagerare

LEGGI IN 2'

La primavera è sinonimo di grandi pulizie e di cambi dell’armadio. È importante disinfettare a fondo le superfici e lavare quei tessuti che non rinnovi tutti i giorni, come le tende o i rivestimenti del divano. Fai però molta attenzione perché igienizzare troppo non è un bene per l’ambiente ma neanche per la tua salute. Un uso eccessivo e improprio di prodotti disinfettanti può creare un'illusione di sicurezza e potrebbe rendere alcuni batteri più forti e resistenti ai disinfettanti, il che comporta evidenti rischi per la salute. Come comportarsi?

Usa il prodotto giusto. Per prevenire i danni a lungo termine causati dalla disinfezione eccessiva e per risparmiare tempo e denaro, individua quando è effettivamente necessario disinfettare e quando pulirai, quindi scegli il tuo prodotto di conseguenza. Se il tuo obiettivo è eliminare briciole e impronte digitali da un bancone, lo stai pulendo. Se hai preparato del cibo su quel bancone, o qualcuno ha tossito direttamente su di esso, allora è il momento di disinfettarlo.

Disinfetta solo le superfici che ne hanno effettivamente bisogno. L'igiene mirata si concentra sulla disinfezione delle superfici che hanno maggiori probabilità di contenere germi potenzialmente dannosi, come le maniglie delle porte, gli interruttori della luce, le maniglie del WC e del lavandino e così via.

Usa la tecnica corretta. È importante seguire sempre le istruzioni sull'etichetta del prodotto per garantire una disinfezione efficace ed evitare dannosi passi falsi. Ad esempio, alcuni prodotti, inclusa la candeggina, richiedono la diluizione per essere efficaci e spesso i disinfettanti richiedono un tempo di permanenza sulle superfici per uccidere i germi. Non saltare questi passaggi.

 

 

 

Foto di 6581245 da Pixabay 

 

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione