ALL'ESTERO

Le destinazioni più pericolose del mondo

LEGGI IN 2'

Una bella vacanza tranquilla non fa proprio per te? Se non c’è il brivido del pericolo non ti senti a tuo agio e non ti diverti? Ecco quindi 5 destinazioni che potrebbero fare per te.

Piscina del diavolo, Zambia. Durante i mesi più secchi dell'anno, i livelli del fiume Zambesi scendono notevolmente per rivelare l'ultima piscina a sfioro ai margini delle Cascate Vittoria, la cascata più alta del mondo. Tuttavia, dovresti solo osare fare un tuffo in Devil's Pool da metà agosto a metà gennaio. Al di fuori di quei mesi, il turismo dello Zambia avverte che "chiunque sia così sciocco da entrare nelle acque verrebbe immediatamente travolto fino alla morte".

Scogliere Moher. Con viste mozzafiato sulle Isole Aran e sulla baia di Galway, le scogliere di Moher sono una delle attrazioni turistiche più famose d'Irlanda. Tuttavia, è anche uno dei più pericolosi e un passo falso sul bordo potrebbe comportare una caduta di 213 metri nell'Atlantico. Il modo più sicuro per vivere la maestosa bellezza delle scogliere è dal sentiero ufficiale o da una delle tre piattaforme di osservazione.

Trift Bridge, Svizzera. Questo ponte moderno, sul modello dei ponti a tre corde nepalesi, è stato costruito nel 2009 con robusto acciaio e legno. Tuttavia, gli acrofobi probabilmente vorranno evitarlo. Con i suoi 90 metri di altezza e 170 metri di lunghezza, il Trift Bridge è uno dei ponti sospesi pedonali più lunghi e più alti delle Alpi, per raggiungerlo sono necessarie tre corse in funivia.

Corsa dei tori, Pamplona. Migliaia di amanti del brivido si recano ogni anno a Pamplona per correre con i tori. Sorprendentemente, solo 16 persone sono state incornate a morte al festival spagnolo dal 1910, secondo il sito di Running of the Bulls. Gli infortuni provocati dall'incornata o dall'essere calpestati da altri corridori sono più probabili ma, fortunatamente, sono ancora scarsi.

Vulcano di Villarrica, Cile. Visitare un vulcano attivo comporta sempre un piccolo rischio. Basta chiedere ai turisti che avevano appena raggiunto la cima del vulcano Villarrica in Cile quando ha iniziato a vomitare fiamme e lava nel 2017. Fortunatamente, l'eruzione è stata piccola e nessuno è rimasto ferito, quindi puoi ancora visitarlo. 

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione