CONSIGLI DI VIAGGIO

Vacanze in camper

LEGGI IN 2'

I vantaggi? La possibilità di decidere la data di partenza anche all’ultimo momento, la libertà di vivere la vacanza fissando l’itinerario giorno per giorno, l’opportunità di esplorare posti nuovi e diversi, lontani dalle solite mete turistiche, il gusto del contatto diretto con la natura. Il tutto con un budget che puoi decidere direttamente tu: l’unico costo fisso è quello del noleggio del camper (se non ne hai uno tuo) ed il resto varierà in base alle tue esigenze.

E non è un caso che oltre un milione e mezzo di persone in Italia ogni anno scelgono il camper per spostarsi nei periodi di ferie, secondo un nuovo modo di concepire il turismo volto alla ricerca di una maggiore libertà e del contatto diretto con la gente del luogo.

Le mete sono infinite ed oggi è possibile trovare delle aree attrezzate per la sosta di camper un po’ ovunque anche in Italia. Nel resto d’Europa, poi, la vacanza in camper è diventata ormai un modo usuale di passare le ferie, grazie anche ai servizi che vengono offerti agli amanti del "plein air".

Non dimentichiamoci, inoltre, che scegliere il camper per trascorrere le vacanze o semplicemente un week-end rappresenta uno dei modi "più indolori" per far viaggiare bambini di ogni età: agli occhi del bambino, infatti, il camper è un enorme giocattolo, una sorta di casa della bambole, dove è possibile ritrovare tutti i giocattoli di casa propria o dove la mamma può cucinare i piatti preferiti (sia che ci si trovi in Marocco oppure a Capo Nord).

Se questo per te sarà il primo viaggio in camper, ricordati che esistono delle regole base che devono essere rispettate:

1. il tuo camper dovrà essere completamento autonomo ed efficiente in modo da rispettare l’ambiente che vi circonda ma anche coloro che vi sono vicino

2. durante le soste ricordate di non ostacolare mai la circolazione né la vista o la regolare attività degli esercizi commerciali

3. pianifica il viaggio e le eventuali soste, preferendo strade secondarie e percorsi brevi

4. per una sistemazione più tranquilla scegli piccole città o paesi di campagna, evitando sempre situazioni pericolose e zone malfamate

5. arriva sul luogo della sosta prima che faccia buio e comunque cerca di non appartarti o nasconderti

6. attua con discrezione lo scarico delle acque pulite. Per le acque, sia chiare che scure, lo scarico deve avvenire esclusivamente attraverso pozzetti ecologici e comunque ricordate mai durante la marcia

Ed ora dai libero sfogo alla tua voglia di viaggiare. Qualche idea? In Puglia fra le orchidee più rare del Parco del Gargano o sulla Sila ricercando le tracce dei lupi, o ancora in Dalmazia, alla scoperta delle piccole isole e di un mare di strabiliante limpidezza, oppure in Francia tra gli allevamenti delle ostriche del Golfo di Arcachon.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione