CONSIGLI DI VIAGGIO

Gita alle Oasi

Fortunatamente l'uomo ha deciso di preservare alcuni spazi dall'edificazione selvaggia e dall'invasione del turismo di massa, in questi luoghi è ancora possibile vedere la natura che vive rigogliosa
LEGGI IN 3'

Flora lussureggiante, animali allo stato brado, territori incontaminati montani, marini o costieri, vaste aree in campagna. Fortunatamente l'uomo ha deciso di preservare alcuni spazi dall'edificazione selvaggia e dall'invasione del turismo di massa, in questi luoghi è ancora possibile vedere la natura che vive rigogliosa. 

Sono più di 300 i parchi naturali, le oasi, i giardini botanici e le riserve che possono essere visitate in Italia, a questi si aggiungono più di 320 riserve naturali protette dedicate a chi ama la natura e vuole vivere momenti indimenticabili ma anche rilassanti o per chi preferisce unire un'esperienza all'aria aperta con la possibilità di praticare un'attività sportiva, una passeggiata a cavallo, un'escursione a piedi o un semplice pic-nic.

Qual è il modo più semplice per entrare in contatto con la natura? Camminare all'aria aperta. Questa attività è adatta a tutti e permette di attraversare in modo poco invadente boschi, prati fioriti, borghi medievali e montagne. Da Nord a Sud è possibile conoscere luoghi meravigliosi profumati e ricchi di vegetazione. Vediamo alcune oasi tra le molte offerte nel territorio che ti invoglieranno ad organizzare una visita:

L'Oasi di Massaciuccoli, in provincia di Lucca, è una rinomata località ornitologica nella quale è possibile osservare più di 300 specie differenti di uccelli. Nelle antiche Saline di Cervia in provincia di Ravenna è possibile osservare a piedi, in barca o in bicicletta, fenicotteri, aironi, pittime e molti altri uccelli che in questi luoghi nidificano. Il bosco del WWF di Vanzago, vicino a Milano, è ricco di laghetti e in un paio d'ore è possibile raggiungere arnie, bacini d'acqua e boschi di Roccolo, inoltre sono visibili più di 100 specie di uccelli e anche qualche capriolo.

Il Parco dell'Etna, già conosciuto per la grandiosità delle eruzioni e delle colate di lava incandescente, possiede attorno al vulcano un ambiente unico e impareggiabile, un paesaggio incantevole protetto da uno riserva naturale che chiunque si trovi in Sicilia non può mancare di visitare.

Il territorio del Parco dell'Etna si estende dalla vetta del vulcano sino alla cintura superiore dei paesi etnei.

Nel Parco di Portofino si possono percorrere sentieri e mulattiere adatti a tutti che danno la possibilità di scoprire alcuni angoli tra i più belli del promontorio ligure. Il Parco offre una visione sintetica della costa ligure, sia dal punto di vista naturalistico che da quello storico-antropologico. Una fittissima rete di sentieri attraversa ambienti selvaggi, insediamenti rurali e borghi marinari ricchi d'arte e di storia, offrendo straordinari paesaggi del Mediterraneo.

All'area protetta di 1200 ettari è associato un territorio che si estende nei comuni di Recco, Camogli, Portofino, Santa Margherita Ligure, Rapallo, Zoagli, Chiavari. Ulivo, pino, leccio e castagno qui coesistono e ricoprono il suolo fino al mare. È possibile vedere molti mammiferi tra i quali la volpe, il tasso, lo scoiattolo, il riccio, la faina e il cinghiale. Un'intensissima tradizione religiosa ha disseminato il territorio di chiese, conventi, piccole cappelle, edicole rurali e marinare tra le quali la 'Nostra Signora del Boschetto' a Camogli.

Il Parco Giardino Sicurtà nei pressi di Peschiera del Garda dona scorci pittoreschi, panorami indimenticabili, numerose varietà floreali, in una superficie che si estende per 600.000 mq. Questo paradiso si trova a due passi dal Lago di Garda ed è la perfetta fusione di un parco (un'area boschiva caratterizzata da alberi ad alto fusto) e di un giardino.

Nel Parco delle Madonnie la flora è la protagonista. In questo paradiso botanico ci sono la metà di tutte le specie di piante presenti in Sicilia mentre la fauna è in maggioranza caratterizzata da uccelli nidificatori. Da alcuni punti del parco è possibile ammirare splendidi tramonti e straordinari paesaggi tra cui l'Etna, i Nebrodi e le isole Eolie. Tra i vari sentieri quello degli Ungulati offre al turista un'area paesaggistica suggestiva in cui è possibile osservare daini e cinghiali in libertà mentre nel laghetto sottostante di Piano Zucchi, sulle pareti a strapiombo, sono visibili nidi di rari esemplari di uccelli e rapaci. Il sentiero è facilmente percorribile da tutti, anche da bambini e anziani, e permette l'avvicinamento dei visitatori a postazioni dalle quali è possibile ammirare la fauna locale.

Visitando questi luoghi ricordati di non violare la loro integrità portando a casa fiori o conchiglie ma solo le immagini che i tuoi occhi o la macchina fotografica saranno stati in grado di catturare.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta