ORTO E GIARDINO

Lo Spinacio

LEGGI IN 2'

Storia

Nome: Spinacia oleracea
Famiglia: Chenopodiacee

Semina: febbraio – aprile e agosto - novembre
Raccolta: febbraio – giungo e settembre – ottobre

Le origini dello spinacio vanno ricercate nell’Asia sud – occidentale e solo intorno all’anno 1000 la sua diffusione è arrivata fino in Europa. È molto probabile che gli stessi Arabi abbiano conosciuto questa verdura in Persia e, poi, abbiano contribuito alla sua diffusione.

Caratteristiche generali:

Il terreno che si adatta meglio alla coltura dello spinacio è quello di medio impasto o sciolto, con una buona dotazione di sostanza organica e di calcio. Questa verdura richiede un clima temperato e fresco visto che risulta essere molto sensibile alla siccità per cui rischia di montare subito a seme.

Una volta sviluppato, però, la sua resistenza alle basse temperature è notevole: fino a -6 °C. Inoltre, grazie alla sua rapida crescita è molto adatto a essere coltivato come coltura tra una fila di ortaggi e l’altra. In particolare quelli più lenti come fagioli e piselli.

Le varietà

Le varietà di spinacio sono due, quelle a foglie bollose adatte per la coltivazione invernale e quella a foglie lisce, appropriata per le stagioni più calde.

Della prima varietà fanno parte il Gigante d’inverno, le cui foglie sono ampie e carnose, il Riccio di Castelnuovo con foglie speese e rotonde, il Riccio d’Asti, il Merlo nero a foglia media e arricciata, il Mostruoso di Viroflay e il Samos F1. Della seconda, quella a foglie lisce, si hanno Viroflay, Matador e Estivado.

Semina e raccolta

Il metodo migliore per avere un raccolto continuo è di seminare ogni 15 – 20 giorni da marzo fino al mese di novembre, lasciando solchi distanti 20 – 25 cm con una profondità di 1,5 cm. Se la coltivazione avviene in zone più fredde, a partire da ottobre è necessario proteggere le piantine con un tunnel, campane di vetro o con altri metodi.

Sfrutta al massimo lo spinacio usando la scalatura ovvero alla base del picciolo solo le foglie più esterne e sviluppate. Con questo sistema la durata della verdura sarà prolungata perché al centro della rosetta continueranno a formarsi nuove foglie.

Proprietà e benefici

Gli spinaci sono ricchi di fibre e di sali minerali come potassio, ferro, calcio e fosforo. È da precisare che per conservare il loro alto contenuto di vitamina A e C, questa verdura dovrebbe essere consumata cruda.

Numerose sono anche le proprietà curative, tra cui l’importante azione lassativa e l’utile stimolazione dell’attività del cuore e del pancreas che contribuiscono alla risoluzione dell’anemia. Ma non solo, sono anche un ottimo rimineralizzante e contengono un’alta quantità di clorofilla.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta