SPUNTI ARTISTICI

Introduzione allo stencil

LEGGI IN 3'

Decor semplice e veloce

Lo stencil consente di realizzare senza difficoltà i disegni e le decorazioni più varie, tra tutte le tecniche di fai da te è senza dubbio una delle più facili e immediate, basta seguire alcuni piccoli accorgimenti per decorare qualsiasi oggetto.

Farfalle, fiori, forme geometriche e stilizzate, sagome e colori, semplici mascherine che si possono comperare già fatte o realizzare con il fai da te. Potrai decorare ad esempio delle splendide latte smaltate bianche per ottenere un effetto elegante e ricco di stile.

Un’arte antica

Il termine ‘stencil’ deriva con ogni probabilità dal francese étinceler che significa letteralmente ‘brillare’. La fortuna dell’uso di questa tecnica decorativa risale al XIX secolo, ma alcuni studiosi ritengono che fin dalla preistoria gli uomini usassero lo stencil per decorare le caverne.

Nel Medioevo i pittori italiani la utilizzavano come base per affreschi, mentre in Francia per decorare carte da gioco, libri e tessuti. Ma la vera culla dello stencil è il Nord Europa, dove nell’800 è diventato una vera e propria arte.

Cosa serve per lo stencil?

Il successo dello stencil è proprio dovuto al fatto che per realizzarlo sono sufficienti pochissimi strumenti: basta un pennello, qualche colore e una mascherina. Il cartoncino da cui ricavare le mascherine è facilmente reperibile nei negozi di hobbistica.

Si tratta di una carta imbevuta di olio di semi di lino, particolarmente flessibile e resistente. La carta ha anche la caratteristica di essere impermeabile, ma nel caso utilizziate delle pitture ad acqua è consigliabile applicare uno strato di vernice protettiva spray su entrambi i lati dello stampino.

Taglierino o bisturi?

Il momento più delicato è quello del taglio della mascherina. Si tratta di un lavoro da fare con calma e precisione, usando un taglierino, un bisturi o un coltello Stanley. Le lame devono essere perfettamente taglienti, vanno quindi sostituite regolarmente.

Ricalca sul foglio un disegno fatto da te o fotocopiato, quindi ritaglia con un taglierino le parti che devono essere colorate. Con la giusta precisione e pazienza il risultato è assicurato, l’importante è scegliere forme e disegni relativamente semplici e stilizzati.

Pitture e colori

Per quanto riguarda la fase di colorazione si possono utilizzare diverse tecniche. Il pennellino è indicato per i dettagli e le rifiniture più delicate, mentre per le grandi porzioni e per un effetto più sfumato possiamo usare una spugna che andrà bagnata, strizzata e immersa in una porzione di colore prima di essere passata delicatamente sulla parte da colorare, facendo attenzione ai bordi.

Soprattutto per chi è agli inizi la pittura ad essiccamento rapido è la soluzione più semplice perché permette di togliere la mascherina e riposizionarla senza lunghi tempi di attesa.

Pitture ad acqua

Tra le più diffuse ed utilizzate nella tecnica dello stencil sono le pitture ad acqua. Presenti in un’ampia gamma di colori offrono il vantaggio di asciugarsi molto rapidamente e di poter essere eliminate facilmente nel caso di errori, basta un po’ di sapone e dell’acqua calda.

Ricorda sempre che è consigliabile utilizzare un tipo di pittura su una base che abbia le stesse caratteristiche. Gli acquerelli avranno una resa peggiore se applicati su superfici dipinte ad olio.

Olio o acrilici?

I colori acrilici sono la soluzione ideale per decorare con lo stencil, sono presenti in un’ampia varietà di sfumature e sono particolarmente impermeabili e resistenti all’acqua. Rispetto ai colori ad acqua hanno una consistenza più cremosa e quindi il rischio di sbavature è ridotto.

Le pitture ad olio sono invece la soluzione ideale nel caso di superfici molto lucide, l’asciugatura in questo caso avviene molto lentamente, ma questo ci permette di rifinire meglio il lavoro. Bisogna prestare particolarmente attenzione nel togliere la mascherina e il colore deve essere lasciato ad asciugare.

Effetto spray!

Come fare nel caso di superfici più difficili? Grazie alla loro particolare resistenza e presa le pitture spray risultano particolarmente efficaci su legno, tessuto, vetro e metallo. Hanno il vantaggio di rapprendere molto velocemente e sono ideali per un effetto naif.

Lo svantaggio è che non permettono una particolare precisione, ottenere una colorazione omogenea non è semplice, il consiglio è di spruzzare con leggeri tocchi e sfumature, in modo che queste si fondano unendosi in un solo colore con un effetto molto delicato.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta