BRICOLAGE

Crepe del legno massello: come riempire le fessure dei mobili rovinati

LEGGI IN 2'

I mobili in legno massello sono forti e danno l’idea della solidità. Tuttavia, a lungo andare, potrebbero presentare delle crepe. Perciò, bisogna correre ai ripari sia per una questione estetica sia per evitare che le fessure si amplino sempre più.

Se i mobili rovinati presentano una scheggiatura circoscritta, a seconda della grandezza del danno, procedi con la stuccatura o con la ricostruzione della parte che si è staccata (e successiva stuccatura). Se le crepe sono più estese o addirittura attraversano i mobili danneggiati da cima a fondo, segui un procedimento leggermente diverso: vediamo l’occorrente e le operazioni da eseguire per riempire le fessure dei mobili rovinati.

Cosa ti serve per riparare le crepe del legno massello

  • Colla vinilica;
  • Morsetti;
  • Stucco (se necessario);
  • Carta abrasiva;
  • Vernice del colore del mobile rovinato.


Come riempire le fessure dei mobili in legno massello rovinati
1) Se riesci, allarga un po’ le crepe del legno massello, quindi riempile con la colla vinilica.

2) Applica dei morsetti per agevolare l’incollaggio.

3) Quando la porzione riparata è perfettamente asciutta, se necessario, provvedi alla stuccatura. Bada di eseguirla lasciandola sporgere di un paio di millimetri rispetto al livello del mobile poiché, nel momento in cui si asciuga, lo stucco tende a restringersi.

4) Con la carta abrasiva, leviga alla perfezione la superficie di legno massello su cui hai fatto l’intervento: in questo modo la parte sistemata assumerà un aspetto omogeneo rispetto al mobile.

5) Tinteggia con la vernice colorata per uniformare al resto del mobile. A questo punto, la riparazione è eseguita.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta