DECOUPAGE

Craquelè: come si fa l’effetto screpolato e anticante

LEGGI IN 2'

Il craquelè si fa con dei prodotti appositi o al limite con altri materiali come la colla vinilica o la gommalacca. Si tratta di un effetto screpolato che si usa in pittura e nel decoupage:  vediamo cos’è, come farlo e come valorizzare le crepe vintage.


Craquelè: cos’è
Il craquelè si chiama anche craquelure o cracklè. Con la tecnica, si ottiene un effetto screpolato: sul lavoretto creativo, compaiono screpolature e crepe.

Per fare l’effetto, in commercio trovi dei prodotti che ad esempio possono essere medium specifici, a base all’acqua, paste.


Craquelè: quando si fa
L’effetto craquelure si fa quando vuoi dare un aspetto vissuto e anticato al tuo lavoro creativo.

Nello specifico, puoi eseguire la tecnica cracklè su uno sfondo, per ottenere un effetto di pittura, oppure dopo aver fatto il decoupage ovvero dopo aver steso uno o due strati di colla, per ottenere un effetto di rifinitura.

Dunque, in quest’ultimo caso, fai asciugare alla perfezione il lavoretto (puoi aspettare un giorno per fare l’effetto screpolato).


Craquelè: come si fa con un prodotto monocomponente
In genere, ricopri il lavoretto asciutto con il prodotto screpolante e usi il colore che vuoi. Comunque, applica secondo le istruzioni del prodotto.


Craquelè: come si fa con un prodotto bicomponente
In questo caso, hai due prodotti da usare in abbinamento secondo le istruzioni.

In genere, per ottenere l'effetto cracklé su un lavoro decoupage, quando è ben asciutto, applichi il prodotto 1. Passato il tempo di posa, aggiungi il prodotto 2.

Se vuoi fare la craquelure pittorica, in linea di massima, stendi il colore che vuoi dare alle crepe, applichi il prodotto 1, aggiungi una mano con il un altro colore e chiudi con il prodotto 2.


Craquelè: come si fa con un timbro
In commercio trovi anche dei timbri che riproducono la trama di crepe più o meno fitte: usali secondo le istruzioni per ottenere l’effetto cracklé.


Craquelè: come si fa per valorizzare le crepe
Dopo aver eseguito la tecnica, puoi evidenziare le crepe, ovvero ripassarle con la porporina, un colore, il bitume di Giudea, una patina anticante.

Ma come variare l’ampiezza delle crepe? In linea di massima, meno materiale stendi e più lo fai asciugare, più ottieni delle screpolature fitte, ma consulta le istruzioni del tuo prodotto e rispetta i tempi di posa.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta