PULIRE FACILE

5 cose che non dovresti mai pulire con l’aceto

LEGGI IN 2'

L’aceto è un prodotto molto diffuso nelle case e spesso viene usato per togliere gli odori o per pulire. Costa poco, è efficace ed ecologico. Attenzione, però, perché la sua natura acida lo rende una forza potente non adatta a tutte le superfici. Quali sono le cose che non dovresti pulire con l’aceto?

I ripiani in pietra. Quando pensi alla pietra, pensi a superfici dure, ma la verità è che materiali come pietra calcarea, granito e marmo (che troverai nelle cucine e nei bagni) sono delicati. L'elevata acidità dell'aceto può incidere la pietra, lasciando segni che non sarai mai in grado di eliminare. Usa invece il detersivo per i piatti e l'acqua calda.

Il parquet. La stessa regola vale per i pavimenti in legno. L’acidità dell’aceto può consumare la finitura e far sembrare i tuoi pavimenti opachi invece che lucidi.

I coltelli. L'aceto eliminerà la ruggine dai tuoi coltelli. Inoltre corroderà il metallo e smusserà la lama. Acqua e sapone sono efficaci e puoi evitare la ruggine se asciughi i coltelli dopo averli lavati bene.

La lavastoviglie. Questo potrebbe sorprenderti perché l'aceto è spesso suggerito come trucco per pulire la lavastoviglie. Ma, nel tempo, l'aceto degraderà qualsiasi cosa fatta di gomma: guarnizioni, tubi flessibili e, ehm, altre parti in gomma. Cerca prodotti specifici per la pulizia della lavastoviglie.

Lo smartphone. Se stai usando il tuo smartphone per fare una ricetta in cucina o per cambiare la gomma in garage, o per qualsiasi altro lavoro sporco, resisti all'impulso di pulire le macchie o gli schizzi con l'aceto. Lo schermo ha un rivestimento resistente alle impronte digitali che può essere danneggiato con l'aceto. Un panno in microfibra inumidito con acqua è la soluzione migliore.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione