BENESSERE

6 cose che devi conoscere sul tuo utero

Sei convinta di conoscere bene il tuo corpo e di saperti leggere meglio del medico. In realtà molto spesso le donne (anche gli uomini) tendono a sopravvalutarsi, soprattutto quando il tema sono i propri organi riproduttivi. Ecco alcune informazioni che dovresti conoscere sul tuo utero.
LEGGI IN 2'

Conoscere il proprio corpo è fondamentale, prima di tutto per rispettarsi e poi per comprendere i segnali di benessere o, al contrario, se qualcosa non funziona. Una donna, che cerca un bambino o che vuole evitare una gravidanza, deve assolutamente "fare amicizia" con il suo utero. Ecco cosa devi sapere:

1. Ha una forma approssimativamente triangolare, spesso associata a una specie di testa di ariete, si trova dietro la vescica, di fronte al retto e si evolve per tutta la vita di una donna.

2. La cavità uterina è divisa in due parti: la cervice e il corpo uterino, che sono separati da una leggera costrizione chiamata istmo uterino. Nella parte superiore si trovano le trombe uterine, su cui sono inserite le tube di Falloppio, che sovrastano le ovaie. All'esterno, l'utero è ovviamente circondato da un muro, costituito da un muscolo liscio chiamato miometrio. All'interno, la parete uterina è rivestita da una membrana mucosa: è l' endometrio.

3. L'utero può misurare da 8 cm a 35 cm e il peso normalmente è di circa 50 grammi.

4. L'utero retroflesso è l'utero flesso in avanti: si dice che sia antevoce. Ma le variazioni di posizione sono abbastanza comuni. Può essere allineato con la cavità vaginale o addirittura piegato all'indietro.

5. L'utero ha un triplice compito: accoglie l'ovulo fecondato, ne consente lo sviluppo e permette l'espulsione del feto quando la gravidanza giunge al termine.

6. Il cancro della cervice è uno dei più frequenti e si sviluppa in media da 10 a 15 anni dopo l'infezione persistente con un papillomavirus (HPV). Lo screening per le lesioni precancerose mediante Pap test regolari e numerose campagne di informazione hanno dimezzato il numero di nuovi casi e il numero di morti negli ultimi 20 anni.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta