MAMMA E BAMBINO

Le bugie hanno le gambe corte

bambini piccoli, fino a 4-5 anni, tendono a confondere realtà e finzione , per questo molto spesso le 'menzogne' rappresentano un modo per rendere più accettabile una situazione spiacevole. A questa età; sono troppo ingenui per ingannare consapevolmente la propria mamma.
LEGGI IN 1'

Il senso di colpa non si è ancora sviluppato, per cui non capiscono la differenza tra un danno compiuto "per sbaglio" e uno intenzionale. Temono di perdere l'affetto dei genitori se li vedono arrabbiati e questo li induce a non raccontare la verità.

Crescendo poi, i bambini scoprono il potere della bugia: comprendono che esiste una sfera privata, che non tutto va svelato per forza. Non si tratta più di semplici scuse o di confusione tra realtà e fantasia (come invece avviene nel periodo evolutivo precedente), ma del tentativo deliberato di ingannare l'adulto, di solito per evitare una punizione.

Ma come si possono riconoscere le bugie? A volte l'indizio è in ciò che il bambino dice, il racconto è troppo strano, incoerente o direttamente contraddetto da fatti evidenti. Altro campanello d'allarme è dato dal suono della voce, dall'espressione del viso, il movimento delle mani che non corrisponde alle parole, una risatina fuori luogo. Il mentitore può inoltre avere un'aria colpevole, intimorita o troppo eccitata per essere del tutto credibile.

Massima cautela quindi, senza drammatizzare. Le menzogne infantili possono essere semplicemente una fase transitoria, oppure evolvere in un modello stabile di condotta; se ci si accorge quindi che il bambino dice spesso bugie non è il caso di aspettare per vedere se la cosa passa da sé, ma è meglio cercare di capirne le ragioni.

(Fonte, Donna & mamma)

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta