DIVENTARE MAMMA

La curva della temperatura

Tra i vari metodi che permettono di stabilire con un certo margine di sicurezza i periodi di ovulazione e fertilità c'è quello della temperatura basale . Ogni donna ha una propria temperatura di base, che può essere diversa da quella di altre donne, ma in tutte si verifica un rialzo dopo l'ovulazione.
LEGGI IN 1'

Si tratta quindi di individuare questo rialzo per stabilire quando l'ovulazione è avvenuta. Questo metodo non richiede l'intervento del medico e non interferisce in nessun modo con le funzioni dell'apparato riproduttivo. Basta misurare la temperatura ogni mattina, al risveglio, all'incirca sempre alla stessa ora, e sempre con la stessa metodologia, prima di qualsiasi attività ed annotarla su un apposito foglietto.

Nel momento in cui la temperatura si è stabilizzata sul livello più alto da due, tre giorni potremo essere quasi sicure che siamo uscite dal periodo fecondo e che i rapporti sessuali non daranno origine ad una gravidanza.

Chi è alla ricerca di un bebè potrà osservare che la temperatura, più o meno a metà ciclo, dapprima subisce un calo, quindi risale improvvisamente per poi normalizzarsi con l'arrivo delle mestruazioni. L'ovulazione si verifica proprio al momento dell'innalzamento della temperatura. I giorni giusti se si desidera una gravidanza sono naturalmente quello dell'ovulazione, ma anche i 2-3 giorni che la precedono e la seguono.

(Fonte: http://www.fertilita.org)

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione