2019/08/18 02:01:5331545
2019/08/18 02:01:5340384

VACANZE

Quali vacanze per i figli?

LEGGI IN 2'

Bisogna riuscire a mediare tra i desideri dei figli e le preoccupazioni dei genitori, in particolar modo se si affronta per la prima volta la richiesta di trascorrere lontano dai genitori qualche giorno di vacanza.

Di fronte alla richiesta dei figli, è bene evitare sempre qualunque forma di contrapposizione dura, ma mostrare di ascoltare con attenzione le loro richieste. Poi si comincerà a esporre quelle che possono essere le proprie perplessità e dubbi. Bisogna partire comunque dal presupposto che è compito dei genitori insegnare ai propri figli anche a sapersi arrangiare da soli e quindi è importante che non ci si opponga alle proposte ricevute solamente perché si ha paura della lontananza e si vuole così evitare qualunque forma di preoccupazione.

Valutata attentamente l’età dei figli e soprattutto il loro grado di responsabilità, diventa perciò importante seguire con attenzione i suoi passi nell’organizzazione della vacanza. Senza apparire invadenti, ma neppure disinteressati: che sappia di poter contare su di voi in qualunque momento, anche per una semplice telefonata a un ufficio del turismo. Il ricorrere ai genitori non deve essere vissuto come una sconfitta, ma come un semplice possibilità. Naturalmente i genitori dovranno essere informati della destinazione, dei mezzi di trasporto, degli amici con cui il figlio partirà per le vacanze.

Può essere una buona scelta da parte dei genitori, quella di abituarsi progressivamente al distacco dai figli, sfruttare quelle forme di vacanza organizzata, come ad esempio i viaggi studio all’estero per imparare una lingua straniera, o nell’ambito del nostro paese a campi tematici, dove durante il periodo di permanenza i ragazzi imparano ad esempio a suonare uno strumento oppure si occupano di attività legate all’ambiente. In ogni caso sono forme di vacanza in strutture organizzate e specializzate appositamente per offrire ai giovani esperienze formative e di divertimento. Naturalmente la scelta non deve venire imposta, ma fatta assieme, genitori e figli.

Quando poi l’età e soprattutto il giudizio dimostrato dai propri figli permetterà di pensare a viaggi organizzati direttamente da loro, ci si può rivolgere a enti che hanno una particolare esperienza nell’ambito di viaggi e offerte rivolte ai giovani, come ad esempio il CTS Centro Turistico studentesco e Giovanile e il Touring Club Italiano.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicchi su “Prosegui con la navigazione”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Prosegui con la navigazione