FIGLI

Come stimolare l'autostima del bambino

Avere una buona autostima significa non avere paura di sbagliare e di fallire, ma trovare sempre il coraggio di provarci. I bambini stimati e che si stimano sanno come tollerare la frustrazione quando qualcosa non accade come previsto e non si giudicano così severamente. E' un percorso che va insegnato.
LEGGI IN 2'

Per diventare un adulto sicuro di sé, bisogna aiutare il bambino a costruire la sua autostima. Si tratta di un pilastro fondamentale per lo sviluppo di una personalità sana e in forma. Ovviamente, bisogna distinguere tra autostima e presunzione. Come aiutare il piccolo in questo percorso di crescita. L'autostima non è qualcosa di innato, ma si sviluppa per tutta la vita e può essere modificato. Se un bambino ha una bassa autostima, possiamo aiutarlo a migliorarlo.

Che cos'è? È l'insieme di percezioni, pensieri, sentimenti e giudizi che abbiamo di noi stessi. È una forma d'amore verso se stessi ed è essenziale. I bambini con una buona autostima si sentono apprezzati, accettati e sicuri. Possono contare sulla fiducia per provare nuove cose ed esplorare il loro ambiente. Ovviamente la loro stima parte dalla stima che i genitori hanno verso di loro: i bambini stimati e che si stimano sanno come tollerare la frustrazione quando qualcosa non accade come previsto e sono in grado di adattarsi e riprovare. Non percepiscono l'errore come un fallimento personale ma come parte dell'apprendimento. Non si giudicano così severamente.

I bambini con bassa autostima si sentono insicuri. Sentono di non essere all'altezza e dubitano delle loro capacità e tendono a concentrarsi sugli aspetti negativi. Sono molto critici e duri con se stessi. Possono avere difficoltà ad integrarsi, specialmente quando sentono che gli altri non li accettano. È probabile che lascino che altri li abusino perché non possono difendersi.

Come far crescere la sua stima?

Trasmettigli tutto il tuo amore: mostra il tuo affetto senza riserve, soprattutto quando sbaglia.

Dagli la tua attenzione: trova momenti per ascoltarlo, per stare solo con lui e farlo sentire importante.

Offrigli delle opzioni. Dall'età di 2 anni, un bambino è in grado di prendere decisioni su piccole cose. Questo gli permetterà di vedere che hai fiducia nelle sue capacità decisionali.

Impostare confini chiari e coerenti. Lo aiuterà a sentirsi al sicuro.

Permettigli di fare errori. Spingilo a fare i compiti da solo e se agisce male, non correggerlo immediatamente.

Evita i confronti. Sottolinea che ogni individuo è diverso e ognuno di noi ha il proprio talento.

Insegnagli ad affrontare le sfide della vita. Sottolinea che l'importante non è riuscire la prima volta, ma provare con convinzione e sicurezza.

Accetta le sue emozioni e la sua rabbia.

Sii un esempio di autostima. Dimostragli di essere orgoglioso dei tuoi risultati ed evita di essere svalutato di fronte a lui.

Crea un ambiente positivo.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta