LAVANDERIA

Come pulire una poltrona a sacco

La poltrona a sacco è un accessorio di design che ha fatto la storia, soprattutto nelle camere dei ragazzi. E' importante pulirla con attenzione e possibilmente cercando di essere molto attenti ai materiali di rivestimento.
LEGGI IN 2'

Le poltrone a sacco sono un classico delle camerette per ragazzi o degli appartamenti da single. Esistono dal 1969, quando l'azienda italiana Zanotta produsse la prima linea di sedie disegnate da Piero Gatti, Cesare Paolini e Franco Teodoro. Da allora è diventato un vero e proprio simbolo. Ma se dovesse macchiarsi come si pulisce?

Le poltrone a sacco vanno pulite regolarmente e la frequenza dipende dalla quantità di utilizzo, dalla presenza di animali domestici e dal tipo di tessuto.

Prima di rimuovere una fodera lavabile, tieni a portata di mano un sacchetto della spazzatura nel caso in cui il sacco interno pieno di pellet sia strappato o bucato. Ovviamente, devi anche pretrattare le macchie visibili con uno smacchiatore a base di enzimi o una piccola quantità di detersivo per bucato. Usa le dita o una spazzola a setole morbide per far penetrare il detergente nel tessuto. Poi lavare come indicato dall’etichetta di cura. In linea di massima, la temperatura dovrà essere di 30 gradi.

Se il sacco è in pelle, ovviamente il rivestimento non deve essere gettato in lavatrice. Se hai un pouf in finta pelle o vinile, puoi pulirlo semplicemente con un panno umido e un po' di detersivo per piatti.

Immergi un panno in microfibra in soluzione saponosa e strizzalo finché non sarà appena umido. Inizia dall'alto e pulisci il rivestimento. Risciacqua frequentemente il panno per rimuovere lo sporco accumulato. Lascia che la pelle si asciughi all'aria, quindi, seguendo le istruzioni del prodotto, applica un balsamo per pelle per mantenerla morbida ed elastica.

Se, invece, è in microfibra o velluto (un’imitazione del camoscio), non disperare. È probabilmente lavabile in lavatrice. Ancora una volta, leggi l'etichetta di cura. La pelle scamosciata naturale ha bisogno di cure molto diverse. In questo caso, si consiglia di portare il rivestimento in lavanderia.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta