CUCINA

Come pulire il lavello in acciaio inossidabile

LEGGI IN 2'

I lavelli in acciaio sono molto comodi e probabilmente sono i più diffusi nelle cucine. L’acciaio è molto utilizzato nei piani di lavoro, non solo domestici ma anche professionali, e contiene cromo che fornisce la resistenza alla corrosione e nichel che aggiunge la lucentezza che manca all'acciaio puro.

I lavelli residenziali in acciaio inossidabile sono offerti in una varietà di stili e la qualità leggera del materiale rende le vasche più grandi e profonde più facili da gestire rispetto ai lavelli in ceramica o in ghisa. Inoltre, non si rovinano facilmente, non si arrugginiscono e possono essere riciclati in altri oggetti metallici. Come si pulisce e soprattutto ogni quanto va pulito?

I lavelli della cucina devono essere puliti ogni volta che vengono utilizzati. Con una pulizia quotidiana regolare, una pulizia più profonda dovrebbe essere necessaria solo circa una volta alla settimana. Vediamo insieme come procedere!

Dopo aver preparato il cibo, sciacquato o lavato i piatti, sciacquare bene il lavandino con acqua calda. Se si dispone di un lavandino con smaltimento dei rifiuti, accenderlo durante il processo di lavaggio per assicurarsi che lo scarico non venga ostruito.

Metti un paio di gocce di detersivo per i piatti su una spugna o uno strofinaccio inumidito (entrambi non devono essere abrasivi). Usa la spugna insaponata per pulire i frammenti ostinati di cibo bloccato. Un modo per mantenere il lavandino lucido e per evitare macchie d'acqua dovute al calcare è asciugare accuratamente il lavandino dopo ogni pulizia. Usa un panno in microfibra perché non lascia pelucchi, assorbe bene l'acqua e si asciuga rapidamente.

Se vuoi lucidare l’acciaio, usa il bicarbonato. Cospargi di polvere bianca tutta la superficie. Il bicarbonato di sodio è un abrasivo delicato che aiuta a rimuovere il cibo incollato e a tagliare i residui grassi. Funziona anche come un dispositivo di rimozione degli odori per rinfrescare lo scarico del lavandino. Strofina con delicatezza con una spugna non abrasiva o un vecchio spazzolino da denti. Prima di sciacquare, spruzza la zona trattata con aceto bianco distillato (o aceto di mele).  Quando l'effervescenza si ferma, sciacqua bene l'area del lavandino e del rubinetto con acqua tiepida o calda. E poi asciuga. Sarà splendente.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione