FIGLI

Come parlare di argomenti difficili con il bambino

I bambini attraversono un momento di consapevolezza, soprattutto durante le elementari, difficili: vogliono comprendere il mondo, si fanno e ti fanno domande impegnative e devi cercare di rispondere senza spaventarlo ma con chiarezza.
LEGGI IN 2'

Ci sono argomenti difficili da affrontare con i bambini, come la malattia, la morte, il fatto che per alcuni mani non esista cura, la religione o l’esistenza di culti diversi, ma anche la povertà e il vivere da privilegiati senza esserne consapevoli, perché non si ha un termine di paragone. Oltre a questi grandi temi, ci sono quelli più pratici, come avere rispetto del prossimo, non isolare gli amichetti o comprendere perché a qualcuno puoi non stare simpatico. A questo quadro aggiungi le notizie del telegiornale, che da spiegare sono sempre complicatissime.

È sempre triste dover affrontare i problemi che il mondo non ha potuto risolvere. Tuttavia, educando i tuoi figli con conoscenza, compassione e un carattere forte, puoi fornire loro tutti gli strumenti di cui hanno bisogno per migliorare le cose.

È sempre bene utilizzare l'età e lo stadio di sviluppo di tuo figlio come guida per iniziare le conversazioni, in modo che si avvicini alle informazioni nel modo più giusto. Capire un po' come i bambini vedono il mondo ti aiuta a fornire loro le informazioni più appropriate sul mondo per la loro età. Naturalmente, ogni bambino apporta la propria sensibilità, temperamento, esperienza e tratti individuali in ogni conversazione.

I bambini sono molto sensibili agli stati emotivi dei genitori. Possono preoccuparsene o pensare di aver fatto qualcosa che li ha infastiditi. Questo è il motivo per cui è difficile spiegare i grandi problemi e parlare di cose difficili con i bambini piccoli. Cosa puoi fare? Seleziona le notizie che arrivano al loro orecchio. Calmali con parole e gesti. Puoi dire loro cose come " Sei al sicuro. Mamma e papà sono al sicuro. La nostra famiglia è al sicuro”. Parla dei tuoi sentimenti e di quelli di tuo figlio. Di 'qualcosa come: " Va bene sentirsi spaventati, tristi o persi. Questi sentimenti sono naturali e tutti noi li sperimentiamo di tanto in tanto”. Prova anche a dire cose come "Sono arrabbiato, ma questo non ha niente a che fare con te". E poi cerca di capire che cosa sanno e se hanno interpretato male le informazioni ricevute.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione