LAVANDERIA

Come lavare i tessuti in acrilico

I tessuti acrilici si asciugano velocemente e sono molto resistenti. Detto ciò, cerca di non metterli alla prova con lavaggi aggressivi o stirandoli a temperature molto elevate. Di seguito trovi i consigli per la cura del tuo capo.
LEGGI IN 2'

Facile lavare l’acrilico. Questo è il pensiero che va per la maggiore quando si comprano tessili per la casa, ma anche abbigliamento.  Le fibre acriliche si asciugano rapidamente, sono resistenti alla muffa, all'assorbimento degli odori, alle infestazioni di insetti, al deterioramento dovuto alla luce solare, all'olio e alla maggior parte dei prodotti chimici.

E non è tutto, perché simulano la lana e il cotone, avendo però performance diverse. Che cosa sono? Le fibre acriliche sono una fibra sintetica prodotta con polimeri sintetici a catena lunga composti per almeno l'85% di acrilonitrile, un petrolchimico. Per migliorare la capacità della fibra di assorbire i coloranti, l'acrilonitrile viene solitamente combinato con piccole quantità di altre sostanze chimiche. Una volta che le fibre sono tinte, il tessuto è colorato. Come si lavano?

Prima di tutto leggi con attenzione le etichette di cura. La maggior parte dei vestiti in acrilico può essere lavata in lavatrice. Tuttavia, alcune etichette potrebbero consigliare il lavaggio a secco perché il rivestimento o la struttura interna potrebbero non essere lavabili. 

Una volta letta la tua etichetta, puoi pretrattare le macchie. Usa il tuo detersivo per bucato preferito per i vestiti acrilici.  Le fibre acriliche possono accumulare elettricità statica eccessiva e una piccola quantità di ammorbidente nel risciacquo finale eliminerà il problema.

I tessuti acrilici possono essere lavati sia a caldo sia a fredda, ma evita la centrifuga finale o riducine la velocità.  Non sovraccaricare la lavatrice, per evitare che si pieghino troppo. Puoi usare l’asciugatrice? Dipende. In linea di massima, sì, ma a bassa temperatura. E questa regola vale anche quando stiri, altrimenti rischi di sciogliere le fibre, lucidare il tessuto o bucarlo.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta