ADOLESCENZA

Come gestire l'ansia di tua figlia adolescente

LEGGI IN 2'

L’adolescenza è un periodo delicato e le ragazze di casa vivono un periodo di grandi sconvolgimenti dal punto di vista fisico ed emotivo, con l’avvicinarsi dell’età adulta. La vita da adolescente è faticosa a causa della difficoltà di capire le emozioni da cui si rimane travolti che fanno vacillare nell'approccio con i coetanei e il mondo che li circonda.

Il più delle volte temono di non essere capiti, non essere accettati, di non riuscire. Hanno continue sfide da affrontare, esperienze nuove, opportunità da sfruttare. Vogliono l'indipendenza che determina maggiori responsabilità: tutto questo scombussola la loro vita.

Per questo si caricano di ansia, che può manifestarsi con un sentimento di angoscia, di paura, scausare udorazione, mal di stomaco, tachicardia, mal di testa dovuto a tensione. Delle volte possono esserci problemi a dormire, sonno agitato o sogni angoscianti.

Normalmente si tratta di momenti di crisi inaspettate o legate a situazioni particolari di forzi stress, studio, interrogazioni, esami, litigi nel gruppo dei pari o battaglie con i genitori.

Come sostenere tua figlia adolescente a gestire l'ansia?

- Aiutala a gestire facendole sapere che a volte è normale sentirsi ansioso: è una fase, anche le emozioni negative come le positive passeranno.

- Riconosci che ciò che prova tua figlia  è vera tensione paura. Non bisogna ignorarla deve sapere che sarai lì per sostenerlo.

- Incoraggia e non ignorarla. È importante che tuo figliasenta che la prendi sul serio.

- Non spingere tua figlia ad affrontare situazioni che non vuole affrontare o per cui prova particolari difficoltà.

- Convincila che è meglio puntare a piccoli e raggiungibili obiettivi che gli procureranno meno ansia e pressione.

- Non spingerla ad affrontare di petto una questione che gli provoca ansia: meglio approcciarsi in modo graduale.

- Aiuta tua figlia a esplorare e comprendere i sentimenti, ricordale anche anche tu da adolescente avevi delle preoccupazioni, e raccontale qualche episodio che possano farle capire che quello che prova non è insolito per una ragazza della sua età.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta