INTORNO AI FORNELLI

Come eliminare l’odore d’aglio dal tagliere di legno

Il legno è un materiale molto poroso e tende ad assorbire gli odori. Un tagliere da cucina potrebbe diventare una superficie davvero poco igienica dopo diversi utilizzi e se si impregna di aglio il rischio è di trasmettere l'odore a tutti gli alimenti che toccano il legno.
LEGGI IN 1'

L’aglio è davvero molto profumato e dà ai piatti un pizzico di carattere in più, ma si rischia di avere un odore sgradevole soprattutto sul tagliere di legno. Se puoi scegliere, le lastre non porose, realizzate in plastica, resina, marmo o vetro, saranno più facili da pulire poiché non assorbono gli odori. Le assi di legno sono porose e quindi hanno maggiori probabilità di puzzare.

Se hai tritato solo uno o due spicchi d'aglio, potresti riuscire a cavartela semplicemente lavando la tavola in acqua calda e insaponata. Ma in altre occasioni, dovrai dare alla tua superficie di taglio un trattamento a livello spa:

  • Inizia lavando la tavola con parti uguali di aceto e acqua calda.
  • Cospargi il bicarbonato di sodio su tutta la tavola e spruzza dell’altro aceto e acqua.
  • Esfolia la tavola con una spazzola, sciacquare bene e lasciare asciugare.
  • Ripeti se necessario fino a quando l'odore dell'aglio non sarà scomparso.

Un’altra cosa importante è far asciugare all’aria il tuo tagliare e ricordati, inoltre, che seppur bello e di un legno di qualità, resta una superficie che tende a contaminarsi molto facilmente e va sostituito. Quindi se cucini tanto, scegli un tagliere non di legno. È la soluzione più pulita ed economica che tu possa avere a disposizione.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione