FIGLI

Come comportarsi se il bambino fa il monello a scuola?

Molti bambini si comportano male in classe, non rispettano l'insegnante e i compagni di classe. Come mai? Quali sono le cause di un atteggiamento simile, che non deve sfociare per forza in bullismo, e soprattutto come bisogna gestirlo?
LEGGI IN 2'

Il primo confronto con la società è la scuola e non tutti i bambini comprendono fin da subito la necessità di seguire delle regole sociali di educazione. Il comportamento dei bambini in età scolare è una preoccupazione importante per i genitori. In termini generali, temono che i bambini cadano vittima di un compagno il cui comportamento è inappropriato. O, peggio ancora, che sia il proprio ragazzo a fare parte di quei compagni definiti "bulli".

Quando si parla di bambini che si comportano male in classe, ci si riferisce specificamente a coloro che non sono attenti. In particolare, a coloro che non riconoscono il ruolo dell'insegnante e trattano male i loro coetanei. Anche se non arriviamo sempre all'estremo del bullismo, può comunque essere una conclusione a medio o lungo termine.

Quali sono le cause di questo comportamento?

Una delle prime cause del cattivo comportamento a scuola è la necessità di attenzione. Ciò si verifica principalmente quando i genitori non trascorrono il tempo necessario al loro bambino. Oppure, se lo fanno, la qualità è probabilmente insufficiente. Di conseguenza, i bambini usano questo comportamento come un "richiamo" per attirare l'attenzione degli adulti. Una seconda possibile causa di questo problema potrebbe essere l'imposizione delle regole. Se il bambino è abituato a fare ciò che vuole, non sarà in grado di riconoscere i diritti dei suoi compagni di classe, così come l'autorità degli insegnati. E poi c'è la terza causa, ovvero, l'incapacità di controllare le proprie emozioni. Pertanto, le loro reazioni. È anche possibile che il bambino abbia una condizione psicologica che gli impedisca di essere calmo e concentrato.

Come devono comportarsi i genitori?

Dare attenzione al bambino: è fondamentale che un bambino debba sentirsi capito e amato dai suoi genitori. In questo modo, manterrà la sua stabilità emotiva e non sarà necessario ricorrere a queste cattive pratiche per ottenere ciò di cui ha bisogno.

Non rinunciare all'autorità. A casa e a scuola, il bambino deve sapere che non può contare sulla minaccia di "comportarsi male" quando vuole qualcosa.

Tenerlo motivato e occupato. Potrebbe essere d'aiuto lo sport di squadra: c'è l'attività fisica, ma c'è anche il rispetto dei ruoli e delle regole.

Avere una buona comunicazione tra genitori e insegnanti: i genitori devono essere costantemente coinvolti nella vita scolastica dei propri figli. Devono essere consapevoli di tutto.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta