2019/11/19 13:02:2540919
2019/11/19 13:02:2641162

POLLICE VERDE

Come coltivare il giglio: 13 consigli utili

LEGGI IN 2'

Coltivare il giglio non è difficile e, se cominci la coltivazione dai bulbi, lo vedrai spuntare in estate. Il lilium, infatti, è una bulbosa estiva che sorprende sempre per la sua maestosità.

Ci sono numerose varietà come il noto giglio di Sant’Antonio o della Madonna (Lilium candidum)

Temi di sporcarti con il polline? Taglia i filamenti che vedi nel fiore.

Come coltivare il giglio: 13 consigli utili
1) Pianta i bulbi del lilium in autunno o al limite in primavera, soprattutto se, nella tua zona, l’inverno è particolarmente rigido;

2) Metti i bulbi nella terra di modo che la punta si trovi in alto, a una profondità che sia pari almeno alla sua grandezza oppure al suo doppio o al triplo. Per il calcolo, fatti consigliare da chi ti vende i bulbi in base alla varietà;

3) Puoi interrare dei gruppi di 3-5 bulbi, lasciando circa 25-30 centimetri a seconda della varietà;

4) Puoi anche piantare i bulbi in un vaso profondo, dopo aver preparato uno strato di argilla espansa o di un materiale drenante sul fondo;

5) In linea di massima, opta per un terreno con un buon drenaggio, un po’ acido e concimato con degli elementi organici, ma considera che alcune varietà di lilium si possono coltivare anche in terreni leggermente calcarei;

6) Dove coltivare il giglio? Al sole o alla mezz’ombra, comunque in una zona riparata dal vento;

7) Annaffialo secondo il bisogno, affinché il terreno sia un po’ umido, ma non troppo impregnato di acqua;

8) Nella bella stagione, puoi concimare i fiori ogni due settimane circa con un prodotto a base di potassio;

9) Inoltre, puoi allestire una pacciamatura sul terreno per il mantenimento dell’umidità;

10) Dopo che raccogli i fiori o quando si seccano e li rimuovi, lascia al loro posto le foglie perché i bulbi del lilium possano nutrirsi;

11) Quando la pianta si secca e ingiallisce, tagliala: il giglio tende a crescere di nuovo. Nei vasi grandi, puoi rinnovare il terriccio superficiale e il concime;

12) Per l’inverno, se le condizioni sono proibitive, predisponi una protezione: puoi fare una pacciamatura nel giardino, da rimuovere con gradualità in primavera o mettere i vasi in una zona riparata ma comunque fresca;

13) Per coltivare i gigli, periodicamente, ogni 3-4 anni, solleva i bulbi e dividili.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicchi su “Prosegui con la navigazione”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Prosegui con la navigazione