BELLEZZA

Come allenarti senza danneggiare un tatuaggio nuovo

Per mantenere bene un tatuaggio, ma soprattutto difendere da eventuali infezioni un nuovo disegno, devi fare attenzione allo sport: non devi smettere di allenarti ma fare una piccola pausa.
LEGGI IN 1'

Fare un tatuaggio vuol dire prendersi del tempo per curarlo. E ciò non coincide solo con l'appuntamento con il tatuatore e un po' di crema nei giorni successivi. Se sei uno sportivo, per esempio, dovresti astenerti dall'allenamento per le prime due settimane poiché la pelle è particolarmente sensibile.

Se hai notato che la tua pelle è ancora rossa e calda dopo essere stata inchiostrata, vuol dire che il tuo corpo sta ancora attivando la sua risposta del sistema immunitario. Un tatuaggio è tecnicamente una ferita e devi rispettare i suoi tempi di guarigione. Evita quindi le attività faticose, quelle che possono causare attrito nella zona o farti sudare troppo, perché potrebbe aumentare il rischio irritazione.

Ricorda poi un altro problema: le palestre sono famose per ospitare batteri, lieviti e funghi che causano infezioni superficiali della pelle. L'allenamento probabilmente aumenta la tua esposizione microbica attraverso gli strumenti da palestra, i traumi diretti ai tatuaggi e l'estremo allungamento dei muscoli, che potrebbe teoricamente deformare un tatuaggio.

Questo non vuol dire che dovresti smettere totalmente di esercitare, ma fare una pausa potrebbe farti bene. E poi ovviamente è molto importante riflettere su dove si trova il disegno: se è su braccia o mani, puoi allenare le gambe, se è su schiena o petto, ti devi astenere da corse o attività aerobica e concentrarti su gambe e braccia. Se invece è su gambe e piedi, pensa alle braccia e agli addominali. Insomma, non sovraccaricare la zona muscolare sotto il tuo tatuaggio, mantienilo coperto e lavalo sempre molto bene dopo lo sport.

 
 

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione