DIVENTARE MAMMA

Come affrontare l'ansia post partum

La nascita di un bambino è un momento molto delicato per la donna, che oltre ad accogliere sul piccolo deve fare i conti con tante emozioni, non sempre tutte positive. Come si gestisce l'ansia.
LEGGI IN 1'

Nove mesi ad attendere l’arrivo del tuo bambino e adesso che lo stringi tra le braccia hai un’ansia che ti senti soffocare.  Ogni genitore sperimenta un certo grado di ansia. Oltre all'amore intenso che porta un piccolo, c'è anche la consapevolezza paralizzante che potresti non essere in grado di impedire che cose brutte accadano. Fai attenzione a non confondere una piccola percentuale di ansia, con la depressione post partum.

Come trattare l'ansia post partum

Il nostro cervello è progettato per compartimentalizzare in modo da poter funzionare giorno per giorno. Ma quando arriva nell'ansia, si entra in uno stato costante di sopravvalutazione del pericolo e sottovalutazione della tua capacità di far fronte a qualcosa se accadesse.

La prima cosa che devi fare è evitare di consultare internet. Trova risorse all'interno del sistema sanitario durante l'assistenza pre e postnatale è fondamentale per la creazione di una rete di professionisti che possono aiutarti a superare lo stress della nuova genitorialità.

Un’altra cosa importante è fare parte di un gruppo di mamme, magari quelle che incontri al gruppo preparto. Sono donne che stanno vivendo la tua stessa esperienza e il loro conforto potrebbe esserti di grande aiuto.

Chiediti quanto la tua preoccupazione sta interferendo con la tua vita e se è diventata ingestibile. I tuoi pensieri ansiosi ti impediscono di uscire o di interagire con tuo figlio? Discuti le tue preoccupazioni con un operatore sanitario, che si tratti del tuo medico di famiglia, di un ginecologo o di un infermiere della sanità pubblica.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione