PSICOLOGIA

Natale alle porte

E' importante riscoprire un nuovo modo di vivere la festività del Natale che sia più introspettivo e profondo. Le parole che aprono il cuore sono solidarietà, condivisione e sensibilità. Tralascia i menù che ti costringono ad un superlavoro e opta per un pranzo a buffet, ti lascerà più tempo di godere la festa.
LEGGI IN 3'

'Anche quest'anno devo preparare il pranzo di Natale...',  'Quanti soldi buttati per regalare oggetti inutili!', 'Domenica devo assolutamente andare per negozi, sono già in ritardo!' , 'Ho deciso! Niente presepe quest'anno, non ho tempo'. Questi sono alcuni dei pensieri che affollano la nostra mente durante il mese di dicembre.

Il Natale sta perdendo il suo sapore genuino, invece di portare serenità e calore ci trascina spesso in uno stato di nervosismo, di tensione e a volte di tristezza.

La coppia litiga per decidere da quale parente trascorrere la vigilia o il pranzo di Natale e quanto deve spendere per i regali destinati all'uno o all'altro parente e così la calda atmosfera natalizia diventa un ricordo lontano. Alcune persone sono addirittura colte dalla 'sindrome natalizia' un malessere psicologico che porta depressione e lievi disturbi fisici.

I bambini trascinati dai genitori in grossi centri commerciali alla ricerca del dono dell'ultimo momento, hanno difficoltà a capire la profondità del messaggio di pace e gioia che porta il Natale distratti dalla pubblicità, dal consumismo e dalla valanga di regali che spesso li sommergono senza comunque riuscire a soddisfarli.

E' importante cercare di riscoprire un nuovo modo di vivere la festività del Natale che sia più introspettivo e profondo. Le parole che aprono il cuore sono solidarietà, condivisione e sensibilità. Durante tutto il periodo che precede il Natale 'metti a fuoco' i sentimenti.

Allontanati dalla frenesia che accompagna questo magico momento dell'anno e riscopri i valori dello stare insieme e della condivisione dei sentimenti.

  • Se ti senti già troppo caricata dagli impegni quotidiani potrai avvertire la sensazione che il Natale non sia altro che un ulteriore momento di pressione. Ritaglia degli spazi per stare da sola e orienta l'attenzione non tanto verso l'evento Natale ma alla tua interiorità per capire cosa vuoi ricevere veramente da questa festività
  • ogni anno sei costretta a preparare il pranzo per molte persone e quest'anno il solo pensarci ti rende ansiosa. Il pranzo di Natale è un momento di grande spiritualità dove conta lo stare insieme e la semplicità, non considerarlo come un esame. Tralascia i menù che ti costringono ad un superlavoro e opta per un pranzo a buffet che ti lascerà anche il tempo di godere la festa
  • se nei giorni seguenti al Natale ti succede di stare male sia psicologicamente che fisicamente limita le aspettative, gli eccessi alimentari, gli stravizi e cerca di uscire dalla stretta ritualità della festa per riscoprire un nuovo modo di festeggiarlo
  • i bambini sono un ottimo veicolo di allegria e calore. Grazie alla loro spontaneità danno un significato più vero alla parola 'Natale'. Asseconda la loro voglia di esprimere la gioia facendo dei piccoli lavoretti natalizi, allestendo il presepe in casa, imparando con loro delle canzonine a tema, stando insieme a loro il più possibile lontani dalla frenesia degli acquisti.
  • aiutare le persone meno fortunate a trascorrere un Natale migliore con donazioni e regali ci fa subito sentire meglio. Fai qualcosa di concreto come adottare un bambino a distanza, aiutare un' associazione della tua città o dare un aiuto concreto a chi sai essere in difficoltà.
  • quest'anno non potrai fare regali importanti per motivi economici? I doni non sono il nostro specchio, conta molto di più un piccolo dono fatto con l'anima che un grande regalo che ha solo l'intento di stupire ma è fatto in modo freddo e distaccato.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta