PSICOLOGIA

Imperfetta e felice

In ufficio sei capace di tirare tardi pur di rendere impeccabile il tuo lavoro, facendo e disfacendo di continuo? Nei rapporti sociali sei la classica donna-che-sa-fare-solo-lei e non riesci a delegare nulla agli altri? Pensi che tutto non sia mai abbastanza bello o abbastanza buono?
LEGGI IN 2'

Ebbene la perfezione ti sta proprio a pennello! Ma attenta farsi prendere la mano è facile : la perfezione assoluta rischia di far perdere l’obiettivo finale e di renderti infelice perché nulla ti appare fatto bene o bello abbastanza!

Ed allora impariamo a rilassarci un po’ e cerchiamo di capire che a volte imperfezione non vuol dire trascuratezza ma può invece portare ad una maggiore felicità.

In primo luogo prova a chiederti perché sei spinta a cercare la perfezione a tutti i costi : molto spesso, infatti, la consapevolezza che un atteggiamento perfezionista possa portare a molti successi sia sul lavoro che nella vita quotidiana, fa sì che il nostro atteggiamento venga condizionato da tale pensiero. Riconoscere che quindi la nostra pignoleria non è innata ci aiuta a capirla meglio.

In secondo luogo, nel tuo lavoro così come nelle relazioni sociali, cerca di non seguire solo i particolari perché così facendo rischi di trascurare la visione d’insieme che è invece molto importante.

Sul lavoro ad esempio non cercare di affrontare più problemi nello stesso tempo, ma focalizzati su un compito: vedrai che così facendo riuscirai a dosare meglio la concentrazione e non ti troverai a secco di energia perché eviterai dispersioni inutili.

Non soffermarti troppo a lungo su un solo lavoro, ma completalo velocemente e lascialo stare per almeno un’ora. Ricontrollalo solo dopo cercando di aggiuntare quello che hai fatto senza aggiungere nulla : vedrai che, così facendo, riuscirai ad ottenere risultati migliori.

Ed ogni tanto lasciati andare al "così-così". Imponiti di fare ogni giorno una cosa imperfetta: sarai meravigliata nel vedere che ciò che per te è appena sufficiente, gli altri potrebbero considerarlo eccellente.

E ricordati che "nessuno è perfetto" e, come dicevano le nonne, "non tutte le ciambelle riescono col buco"... E chi ha detto che quelle senza buco non siano squisite?

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta