PSICOLOGIA

Facciamo silenzio!

LEGGI IN 1'

Tacendo a volte si entra più profondamente in contatto che con mille parole perché si lascia spazio ai gesti e alle sottili vibrazioni che intercorrono tra le persone. Tacendo ci si può mettere all'ascolto dei sentimenti propri e di quelli altrui.

Troppo spesso invece nelle conversazioni le parole diventano uno schermo che impedisce la vera comunicazione, perché le persone si ritrovano a dire esattamente quello che gli altri si aspettano da loro. Il bisogno di compiacere, le formalità, i doveri, il disinteresse, fanno sì che vengano spesi fiumi di parole intorno al nulla, solo per simulare una partecipazione in realtà non vissuta. Prima di parlare, si può provare a mettersi in ascolto del proprio silenzio, cioè della propria parola autentica, e anche del silenzio dell'altro, cioè di ciò che ci vuole dire veramente. Nel silenzio possiamo diventare più consapevoli.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta