IN FORMA

Notti insonni, come fare?

LEGGI IN 2'

Riflessi rallentati, memoria offuscata, riduzione della concentrazione, ecco cosa deve affrontare la persona che dorme meno di 5 ore per notte per colpa dell’insonnia o a causa di turni lavoro notturni. Le ridotte ore di sonno aumentano la possibilità di errore sul lavoro e in casa ed è necessario quindi porre un rimedio al più presto sia che il problema prosegua per brevi e saltuari periodi che per momenti più lunghi.

SUGGERIMENTI NEL CASO L’ INSONNIA PROSEGUA PER LUNGHI LASSI DI TEMPO

È importante dormire per cicli di 90 minuti o suoi multipli, è questa infatti la durata di un’ intera fase di sonno che include quella Rem. Questo lasso di tempo è necessario per riposare e recuperare le energie utili ad affrontare gli impegni della giornata.

Secondo la cultura cinese per combattere gli inevitabili momenti di stanchezza è bene sforzarsi di bere almeno due litri di acqua al giorno: la carenza di sonno consuma il ‘jing’ cioè l’essenza vitale. Stanchezza ed inappetenza vanno combattute riequilibrando la parte liquida dell’organismo introducendo acqua e tè e mangiando molta frutta e verdura.

Seguendo sempre i consigli della medicina orientale per potenziare la lucidità mentale bisogna attivare una zona che si trova dietro le orecchie, vicino al lobo, posta in una fossetta triangolare sotto la scatola cranica: vanno massaggiate contemporaneamente le due zone, mattina e la sera, con due gocce di olio essenziale di rosa.

SUGGERIMENTI NEL CASO L’INSONNIA SI PRESENTI PER TEMPI BREVI

Il figlio che non dorme, un periodo un po’ problematico, un esame da preparare sono alcuni dei motivi che possono portare ad un temporaneo stato d’insonnia che produce un esaurimento delle forze e delle energie a disposizione.

Per riportare forza e concentrazione al proprio fisico ci viene in soccorso lo zenzero, una radice orientale che stimola la circolazione del sangue e favorisce il recupero: prepara una tisana facendo bollire, per 2 minuti, alcune fettine di zenzero in una tazza di acqua calda.

Noci e mandorle sono un concentrato di proteine e quindi di energia: mangiane almeno 3 per tipo due volte al giorno per sentirti più rinvigorita.

L’eleuterococco è una pianta energizzante che aiuta a superare i periodi di stanchezza e di stress: assumi 2 compresse da 500 mg di estratto secco per un periodo breve dopo aver consultato il tuo medico di famiglia.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione