IN FORMA

L'importanza del riposino

Grandi e piccini non fa differenza, dopo pranzo stanchezza e sonnolenza arrivano puntuali. Adesso medici e psicologi rivalutano il riposino pomeridiano, un toccasana per ritrovare l'energia.
LEGGI IN 3'

Per anni è stato vietato perché considerato dannoso e inutile. Oggi il pisolino pomeridiano viene rivalutato da molti studiosi e addirittura dalla NASA che ne ha verificato i benefici sull'uomo.

I nostri ritmi frenetici necessitano di momenti di relax, riuscire a concedersi una pausa dalle attività non può che donare benefici all'organismo. La siesta aumenterebbe la creatività e il rendimento dei lavoratori: alcune aziende giapponesi hanno infatti imposto ai loro dipendenti la 'hiruma' cioè la pennichella ma sono pochi coloro che usufruiscono di questa opportunità. In particolare proprio in Giappone i cosiddetti "inemuri" hanno acquisito una valenza sociale: si tratta non tanto di pisolini, come siamo abituati a chiamarli noi, ma piccole pause in cui ognuno è libero di abbandonarsi dove vuole (anche su autobus o alle riunioni) e che non disturba la situazione sociale. Questo piccolo momento per sè, viene visto come una pausa dal tanto lavoro o dall'intenso studio, quindi visto come un simbolo di forza. 

Dopo una pausa il cervello lavora meglio inoltre mentre 'sonnecchia' riesce a fissare nella memoria quanto appreso nel corso della mattinata. Uno studio greco ha evidenziato come siano soprattutto i lavoratori a beneficiare del pisolino che diventa una sorta di anti-stress che allenta le tensioni accumulate la mattina facendo ridurre anche del 64% la possibilità di problemi cardiovascolari. Un cuore più forte si ottiene anche con un breve riposo pomeridiano.

Qualcuno ha anche visto nella pennichella un business: ad Amsterdam sono nati i 'siesta bar' luoghi di relax economici nati per venire incontro alle esigenze della gente mentre a Parigi è possibile concedersi una pausa rilassante di mezz'ora, al costo di 15 euro, presso 'LaBulle Kenzo'.

In Italia presto potremmo vedere comparire, nelle aree di servizio di autostrade, ferrovie e nei grandi poli degli uffici amministrativi, dei confortevoli cubi, chiamati 'Siestas', dotati di aria condizionata, insonorizzazione e nei quali viene collocato un letto di due metri; i maggiori fruitori del servizio dovrebbero essere coloro che fanno lunghi viaggi, soprattutto di notte, gli amanti delle ore piccole e i lavoratori particolarmente stressati.

Perché il pisolino sia utile deve essere fatto seguendo alcuni semplici accorgimenti:

  • il "pisolino" dovrebbe avvenire fra le 13 e le 15 del pomeriggio a seconda degli orari del pasto, comunque non oltre le 15.
  • la pausa deve essere fatta preferibilmente su una comoda poltrona o sul divano piuttosto che a letto
  • il pisolino non deve superare i 20/30 minuti. Alcuni studi hanno verificato che i benefici ottenuti da un sonno di un'ora e quello di 20 minuti sono i medesimi
  • è meglio mettere una mascherina sugli occhi piuttosto che abbassare le persiane in questo modo l'organismo avrà più facilità a risvegliarsi.
  • stendi sempre sul corpo una coperta leggera poiché un abbassamento naturale della temperatura corporea potrebbe risvegliarti prima del tempo
  • i soggetti che soffrono di emicranie, d'insonnia 'grave' o di problemi digestivi non dovrebbero mai coricarsi dopo i pasti, meglio in questo caso optare per un momento di relax in una comoda poltrona.
  • il pisolino fa bene solo se è un' integrazione del sonno notturno e non deve in alcun modo sostituirsi ad esso per non compromettere le principali funzioni vitali dell'organismo.

Sei in ufficio e non hai la possibilità di schiacciare appisolarti? Appartati in un luogo silenzioso oppure in macchina, sono sufficienti 10 minuti di relax con gli occhi chiusi per avere un beneficio immediato ed esser pronti ad affrontare la seconda parte della giornata.

Prova ad assopirti come il grande Pablo Picasso: lui si addormentava con in mano un cucchiaio di metallo e ai piedi un recipiente anch'esso in metallo, un volta assopito il cucchiaino cadeva nel contenitore ed il pittore, risvegliato dal rumore, finiva il suo riposino.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta