VISO E CORPO

Il make-up interiore

La nostra pelle parla di noi, delle nostre gioie, preoccupazioni, dolori e momenti felici. Per questo, per apparire più giovani e belle, il solo utilizzo dei cosmetici non è sufficiente. La vera rivoluzione è racchiusa invece nella nuova frontiera del make-up … quello interiore!
LEGGI IN 3'

La cosmetica naturale

Quella rughetta che ci segna la fronte, la preoccupazione che ci si legge in faccia e un colorito decisamente troppo spento… che fare? Molto spesso pensiamo che basti un buon fondotinta, un correttore miracoloso e che, voilà, il gioco sia fatto! Non è vero, capiamo ben presto di vivere nell’illusione quando ci accorgiamo che le nostre ansie e preoccupazioni prevalgono invece sul trucco di ogni giorno e che per avere sempre una pelle perfetta è necessario ricorrere al make-up interiore.  

Si parla di make-up interiore quando i cosmetici che utilizziamo non sono nient’altro che buone abitudini quotidiane, autocontrollo e disciplina utili, se usati in sinergia, a ripristinare il nostro usuale colorito vitale e ad attenuare quelle rughette che, ad una ad una, compaiono sul nostro volto.

Respirazione levigante

Tra i primi rimedi cosmetici troviamo la respirazione, una buona abitudine che, se praticata correttamente, ha effetti miracolosi sull’incarnato. Adrenalina, tossine e scorie avranno vita breve se il sistema linfatico è stimolato a funzionare correttamente. Per ottenere questo risultato è opportuno attuare una corretta respirazione da effettuare almeno 20 minuti al giorno per almeno 4 volte la settimana.

Rilassa i muscoli e inizia inspirando contando, in questa fase, fino a tre. Gonfia l’addome e abbassa il diaframma. A questo punto, una volta incorporata tutta l’aria, trattieni il respiro contando ancora una volta fino a tre. Infine espira contando questa volta fino a sei.

Sport rigenerante

Il secondo cosmetico da applicare con regolarità è lo sport quotidiano. Una buona sessione di attività fisica, infatti, è fondamentale per assicurare il corretto equilibrio, stimolare la produzione del sudore e, di conseguenza, espellere le tossine accumulate assicurando un miglior funzionamento del sistema linfatico e immettere più ossigeno nel sangue.

Il meccanismo è sempre lo stesso: la respirazione accelerata conseguente all’attività fisica consente di immettere più ossigeno nel sangue e di migliorare quindi l’aspetto della pelle. Il risultato è evidente specialmente sul colorito della stessa: basta una camminata veloce di mezz’ora al giorno per notare subito un viso evidentemente più tonico e un colorito più roseo, e quindi sano.

Sonno illuminante

Non è una novità, ma una buona abitudine che spesso ci dimentichiamo di mettere in atto. Il sonno è il primo alleato di bellezza, perché anche solo qualche ora di riposo in più è immediatamente benefica per l’aspetto complessivo del nostro viso. Dormire, infatti, aiuta la produzione cellulare e quella dei tessuti incentivando il riciclo delle cellule morte grazie ad un’ossigenazione regolare e migliore.

È lo stress però il più grande nemico del sonno che ci impedisce spesso di riposare correttamente. Se riposare bene diventa un miraggio è però possibile ricorrere all’assunzione costante della melatonina, un ormone naturale in grado di riequilibrare il sonno e la veglia. Non solo, la melatonina è anche un efficace antiossidante chiamato per le sue proprietà “l’ormone della giovinezza”.

Meditazione cosmetica

Infine un trattamento rivoluzionario vero e proprio, l’ultimo arrivato, dai tratti decisamente miracolosi! La meditazione è infatti una disciplina in grado di attenuare le imperfezioni della pelle allontanando i radicali liberi presenti nel sangue, debellando l’ansia e mitigare le cause che impediscono un corretto riposo. Secondo studi di ultima generazione, infatti, chi pratica quotidianamente la meditazione denota un fisico e una pelle decisamente più giovani e tonici.

La meditazione va naturalmente effettuata insieme ad una corretta respirazione con il diaframma che si raggiunge solo dopo aver raggiunto un alto livello di rilassatezza. Per farlo è opportuno focalizzare la nostra attenzione su immagini ‘libere’ che scorrono nella nostra mente, ma senza soffermarci troppo su ciascuna di esse. Se ti è difficile comprendere il meccanismo da sola puoi iniziare praticando regolarmente le lezioni di yoga dove questi principi ti verranno insegnati da un maestro professionista.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta