STILI E TENDENZE

Chi è un hipster? Significato di un termine di gran moda

LEGGI IN 3'

Si aggirano in città con occhiali dalla montatura grossa, camicie a quadri anni '90, lunghi baffi curati che arricciano sulle punte come se fossero dei novelli Cecco-Beppe e grosse cuffie alle orecchie. Di chi si tratta? Sono gli hipster, una categoria di giovani che si caratterizza per un certo tipo di abbigliamento e atteggiamento.

Ma qual è il significato di questo termine sempre più presente nel linguaggio comune?

Per comprenderlo appieno si è mossa anche l'Accademia della Crusca che ha provato a trovare una definizione precisa partendo dal significato storico. In origine, negli anni '40, la parola era stata utilizzata per indicare i giovani appassionati di jazz, disinteressati alla politica e sensibili all'ultima moda, quella però più informale. Era una sorta di movimento contro-culturale animato da un forte spirito anticonformista.

Dopo essere caduto nel dimenticatoio, negli ultimi anni, a partire dal 2000, il termine hipster è riemerso carica di un nuovo significato e destinato a indicare un'altra tipologia di persone. Il significato originario si è conservato solo in parte ed è stato reinterpretato nella società di oggi.

Come si riconosce un hipster e quali sono le sue passioni?

Come dice la stessa parola è “colui che si tiene sempre aggiornato”, infatti hip vuol dire “all'ultima moda” e ster in inglese è il suffisso utilizzato per indicare “chi fa”.

La moda da hipster

Un hipster è particolarmente sensibile al richiamo della moda. Non segue gli stilisti che dettano le regole di stile di massa, ma si rifugia in uno stile vintage tutto suo fatto di pantaloni aderenti modello skinny, perfetti per una donna ma anche per un uomo, vecchie sneakers, camicie strette, magliette con stampe di rock band, accessori pescati direttamente dagli anni '70 e '80. Il dettaglio immancabile? I grossi occhiali dalla montatura scura che coprono il viso e restituiscono l'aria da vero nerd. In ogni particolare è cool ma in modo informale e senza sforzo apparente.

Le sue passioni

Si ritiene un grande apprezzatore dell'arte, della creatività e dell'intelligenza. Abbandonata la passione esclusiva per la musica jazz (così come accadeva negli anni '40), ora l'hipster è un fanatico dell'indie rock e dei vinili che recupera in ogni mercatino dell'usato. Non ama il consumismo classico e ci tiene a creare una dimensione tutta personale fatta di cibo genuino a Km0, spostamenti in città rigorosamente in bicicletta e ricerca del passato nei mercatini delle pulci: si destreggia tra vecchi oggetti di design, orologi da taschino da far invidia al Bianconiglio di Alice nel Paese delle Meraviglie e macchine fotografiche con il rullino. Per finire sono dei fanatici tecnologici che non si fanno scappare l'ultimo modello di iPhone e sono già in fila per l'Apple Watch.

Di cosa si occupa

Sono impiegati in lavori creativi, sognano di lanciare una start up e sono digitalizzati fino al midollo. I loro obiettivi principali sono quelli di non conformarsi alla massa e lanciare nuove mode che possano cambiare i gusti di milioni di persone.

Che te ne pare? Ora hai tutte le informazioni sul significato della parola hipster, per distinguerlo per strada e nei mercatini dell’usato. O per prendere ispirazione! 

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione