SCUOLA

Back to school, 4 cose che (forse) non ci saranno più a scuola

Il rientro a scuola ormai è una dato di fatto, ma non si sa ancora esattamente come. Ci sono delle strategie, per affrontare un autunno molto diverso dal solito. E una cosa è sicura, qualcosa dovrà cambiare, probabilmente per sempre.
LEGGI IN 1'

Tutti (o quasi) a scuola il 14 settembre. Le modalità per il rientro sono diverse. Pare ci siano tre piani diversi a seconda della situazione che potrebbe crearsi in autunno. Molti genitori ed educatori non sanno ancora cosa succederà quando la scuola riprenderà, ma una cosa è certa: le aule e i campus universitari non saranno più gli stessi, e alcuni di questi cambiamenti potrebbero per sempre. Quali?

Materiali condivisi. Gli studenti elementari sono generalmente incoraggiati a condividere. Il prossimo anno accademico però dovrebbero avere materiale esclusivo, come pastelli e forbici. Questo potrebbe diventare più complicato con gli elementi condivisi nelle scuole medie e superiori specializzate come laboratori di scienza, arte, musica e computer.

Mense. Le scuole cercheranno inoltre di limitare il numero di studenti che stanno insieme contemporaneamente. Gli studenti faranno turni in mensa o pranzeranno in classe. La ricreazione sembra certamente la riunione più difficile da re-immaginare in un modo che mantiene il suo scopo originariamente previsto: dare ai bambini un tempo non strutturato insieme.

Corridoi affollati. I corridoi di molte scuole elementari possono essere realizzati a senso unico o organizzati in modo che poche classi si trovino contemporaneamente nelle sale. Le scuole superiori presentano una sfida più grande a causa dell'uso di armadietti e zone di passaggio.

Riunioni di istituto. Potrebbero essere vietate: i posti a sedere nelle grandi aule possono essere riconfigurati per consentire agli studenti di mantenere la distanza fisica.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione