ERBORISTERIA

Allergia al nichel: i sintomi e i rimedi naturali da usare

LEGGI IN 2'

Una delle reazioni dermatologiche più fastidiose che si può verificare è quella al nichel, un metallo presente in molti oggetti di uso comune, dai gioielli alle comuni monete. Chi soffre di allergia sa bene che scampare al nichel è praticamente impossibile, ma si possono comunque attuare comportamenti in grado di limitare il problema.

I sintomi di un’allergia al nichel sono simili a quelli della maggior parte delle dermatiti e perciò si possono presentare arrossamenti cutanei e bolle nelle zone a contatto col metallo. Le bollicine assomigliano a quelle da ustione, quindi con liquido trasparente all’interno, ma talvolta possono non presentarsi e lasciare spazio ad eruzioni cutanee piatte e alterazioni cromatiche della pelle.

Anche il prurito è un sintomo associato all’allergia al nichel e si presenta nelle medesime zone dove la cute è arrossata o bollosa. Le zone più colpite del corpo solo solitamente le mani e i polsi, che sono più esposti e sui cui spesso si indossano anelli, bracciali e orologio, ma anche l’addome, che entra spesso a contatto diretto con i bottoni e borchie in metallo dei pantaloni.

Le donne possono anche avere fastidi a livello di busto se indossano reggiseni con parti metalliche e, sebbene i tessuti fungano da schermo, non sono totalmente efficaci per evitare reazioni. In estate, a causa del caldo, l’allergia al nichel può diventare un vero tormento, in quanto i pori sono dilatati e la cute più sensibile, motivo per cui è bene fare ancora più attenzione.

Parlando di rimedi naturali contro l’allergia al nichel, il primo è curare l’alimentazione al meglio, almeno nella fase acuta del problema. Evitiamo tutti i cibi in scatola di latta, tanto per cominciare e limitiamo anche latticini, grano e tè nero o verde, così come il cioccolato, tutti alimenti che possono contenere nichel al loro interno.

Il prurito è difficile da gestire e la voglia di grattarsi è tanta, ma resistiamo alla tentazione per evitare escoriazioni. Invece stendiamo della pasta di calendula o una crema all’ossido di zinco dove serve, in modo da dare sollievo alla pelle irritata.

Per velocizzare la guarigione della cute, sì anche al burro di karité, ottimo prodotto riparatore.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta