TRUCCHI E SOLUZIONI

Togliere le macchie dai vestiti: trucchi utili

LEGGI IN 2'

Il danno più vistoso sui nostri capi d'abbigliamento è quello prodotto dalle macchie, ma come togliere le macchie dai vestiti? Ecco alcune tra le più pericolose che devono essere tolte immediatamente.

  • Togliere le macchie d'erba: sul cotone e i capi bianchi si elimina mettendoli in ammollo in acqua molto calda, quindi risciacquando. Oppure, immergi e strofina la parte in latte freddo. Per le macchie vecchie: sfrega con succo di limone e risciacqua con acqua tiepida.

  • Togliere le macchie dei cosmetici: sul cotone, se sono pastosi, usa detergente spray ed elimina le tracce con acqua ossigenata. Per le creme, cospargi con talco o sapone, spazzolando via l'eccesso, togli gli aloni con benzina. Sui capi delicati: tampona con etere la lana, mentre lava con acqua tiepida e detersivo neutro la seta.

  • Togliere le macchie d'inchiostro: sul cotone tampona a rovescio con alcol o trementina, oppure lava con acqua salata o acqua e aceto bianco. Se colorato, utilizza il permanganato di potassio al 5%. Se l'inchiostro è indelebile ammoniaca diluita con trementina. Sui delicati: per fibre sintetiche tampona a rovescio con una soluzione di una parte di acqua ossigenata in sei di acqua; per la seta, preferibile la lavanderia.

  • Togliere le macchie di smalto per unghie: sul cotone metti un panno bianco sotto la macchia e poi tampona con acetone per unghie non oleoso. Sui sintetici: non intervenire ma porta in lavanderia.

  • Togliere le macchie di sudore: sul cotone tampona con acqua e ammoniaca, quindi risciacqua abbondantemente. Sui delicati: lava la lana con acqua molto salata; mentre per la seta tampona la macchia con etere e acqua in parti uguali.

  • Togliere le macchie di vino: sul cotone cospargi subito la macchia con sale fino, fai asciugare, quindi procedi al normale lavaggio e se necessario, e se il tessuto lo consente, candeggio. Sui delicati: sulla lana bianca e sulla seta utilizza una soluzione di una parte d'acqua e sei d'acqua ossigenata.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta