TRUCCHI E SOLUZIONI

Lavare a mano le stoviglie più "difficili"

LEGGI IN 2'

Il lavaggio a mano è un’alternativa irrinunciabile quando non si ha a disposizione una lavastoviglie. Inoltre, alcune stoviglie possono essere particolarmente "difficili" da pulire, e in alcuni casi lo sporco rimasto sulle pentole può richiedere un trattamento profondo. 

Ecco allora alcuni trattamenti specifici per ottenere risultati soddisfacenti e con minore fatica nei casi più "difficili".

Leggi anche: Lavare i piatti a mano, trucchi e consigli

Pentole incrostate
Molto spesso nelle pentole rimangono incrostazioni ostinate, ad esempio cibo bruciato o formaggio fuso. In questi casi, per rimuovere i residui dalla pentola riempila di acqua e sale grosso fino a coprire le incrostazioni e lascia bollire finché i residui non si saranno staccati.

Pentole di rame
Se le pentole sono di rame vanno sfregate con una spugnetta intrisa di aceto e sale. Dopo il risciacquo ricorda sempre di asciugarle bene.

Contenitori in plastica
I contenitori in plastica possono essere difficili da pulire: spesso restano macchiati o, peggio, l'odore del cibo che contenevano potrebbe restare. 
Per eliminare gli odori dai contenitori lascia sciogliere del bicarbonato di sodio in acqua calda. Per rimuovere le tracce di colore lasciate dagli alimenti si può usare candeggina diluita in acqua facendo attenzione a risciacquare con estrema cura. 

 

Infine, ricorda che ci sono alcune stoviglie e utensili molto delicati, per cui si sconsiglia il contatto con il detersivo. Tra questi, la teiera non va mai lavata col detersivo e nemmeno inserita in lavastoviglie ma solo sciacquata con acqua calda. Il tagliere in legno si lava esclusivamente a mano e deve essere asciugato con cura prima di essere riposto. La stessa tecnica si applica su tutti gli utensili in legno, e su posate che contengono parti in legno. 
Anche per la caraffa di vino o decanter non si deve utilizzare il detersivo perché potrebbe compromettere l’aroma del vino. Per pulirla, introduci nella caraffa un po’ di aceto e una manciata di riso. Scuoti e aiutati con lo scovolino per fare in modo che la soluzione agisca meglio. Infine, sciacqua più volte con acqua tiepida.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta