2019/10/20 01:23:1538698
2019/10/20 01:23:1637992

PULITO IN 7 PASSI

Ho disfatto le valigie e adesso tutto questo come lo lavo?

LEGGI IN 2'

Le vacanze stanno finendo per tutti, alcuni ritardatari vanno ancora in vacanza a settembre ma è quasi l’ora di riporre le valigie e di lavare tutto quello che è stato riportato indietro sporco dopo il viaggio di grandi e piccoli.

Io quest’anno (e anche l’anno scorso) ho avuto da lavare, oltre ai trolley delle vacanze più classiche, anche le valigie delle vacanze in colonia dei miei figli, loro ci vanno da soli ma i sacchi che riportano indietro si aggiungono a tutto il resto e contengono anche lenzuola, federe, sacchi a pelo, scarponi da montagna e tante altre belle cose da smacchiare e riporre per benino.

La tentazione di fare quattro o cinque lavatrici forsennate e indifferenziate è forte però io non cedo, lo so che devo procedere in modo ordinato ed organizzato.

Prima di tutto bisogna pensare agli accessori da mare, costumi, teli mare, pareo e indumenti usati in spiaggia prima necessitano di un prelavaggio in una bacinella con acqua tiepida e bicarbonato, poi possono anche essere messi in lavatrice ma in modo diverso a seconda del tipo.

Costumi e pareo con un detersivo e un programma delicato e e a freddo, i teli mare invece hanno bisogno di un lavaggio un po’ più approfondito, io li lavo a 50 gradi per eliminare tutto il salino.

I costumi da bagno hanno bisogno anche di un dopo-lavaggio adeguato: meglio stenderli sul rovescio e all’ombra, il sole rovina i colori e anche le fibre elastiche di cui sono fatti.

Se al posto del mare siete stati in montagna o in campagna è probabile che il problema siano le macchie di erba, in questo caso meglio trattarle prima con sapone di Marsiglia e poi metterli in lavatrice a 30 gradi con un detersivo come Dixan Duo-Caps che unisce il detersivo liquido a quello in polvere

Se siete stati in vacanza in una città d’arte beati voi, io adoro le città dinamiche con un sacco di cose da scoprire o quelle storiche con un monumento ad ogni angolo, infatti quest’anno sono stata a Roma dopo tanti anni che mancavo.

In questo caso fare il bucato è come quando si sta a casa, non ci sono regole particolari a parte quella di dividere gli indumenti per tessuti scegliendo i programmi giusti per ogni gruppo.

Alessia Gribaudi Tramontana
Scritto da:

Alessia Gribaudi Tramontana

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”! 44 anni e due figli, sempre online e molto social per lavoro e per diletto. Faccio la Social Media Strategist e la Blogger, ma soprattutto sono una donna (e una mamma) che non rinuncia a fare tutto quello che ama. Troppo difficile? No se come me sei devota al dio della massima resa con il minimo sforzo. Sui social puoi trovarmi un po’ dappertutto come @Alescrap.

Il mio blog

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicchi su “Prosegui con la navigazione”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Prosegui con la navigazione