IDEE VERDI

Cucinare in modo ecologico!

LEGGI IN 2'

Un'alimentazione sana e rispettosa per l'ambiente passa anche per gli strumenti e il modo in cui si cucinano i cibi. Acquistare prodotti biologici è sicuramente un fattore decisivo per la nostra salute e dell'ambiente in generale, ma per una cucina completamente naturale occorre fare attenzione anche al passaggio successivo: la cottura.

Per quanto riguarda pentole, tegami ed utensili vari, meglio usare ceramiche ecologiche, dove non sono presenti i metalli pesanti. Questi infatti sono sostituiti da sostanze alcaline naturali, come sodio, potassio e calcio, che non donano brillantezza ma sicuramente rilasciano meno sostanze nocive e mantengono i cibi più sani. Tali ceramiche, inoltre, richiedono meno energia per raggiungere temperature elevate e costanti.

Una terracotta poco conosciuta ma molto efficace in termini ecologici è la pietra ollare. Utilizzata per la fabbricazione di piastre da cottura, teglie e pentole, la pietra ollare ha origini antichissime, risalenti addirittura al medioevo. Di colore grigio-verde, è costituita da talco, magnesite e clorite, e la produzione è localizzata principalmente in Valtellina, che ne vanta una lunga tradizione artigianale.
Caratteristica della pietra ollare, come quella dell'argilla rossa, è la capacità di distribuire il calore in maniera uniforme e di mantenerlo per diverso tempo anche una volta allontanata dal fuoco. Inoltre, è in grado di raggiungere alte temperature con poca energia. Ha una naturale capacità antiaderente e non altera i sapori, è ottima per cotture lunghe a fiamma moderata, come le zuppe, i brasati e i sughi.
Tra i metodi di cottura ecologici, la cottura a vapore è la più consigliata sia in termini di benessere sia per il risparmio energetico che ne deriva. Attenzione però, cucinare a vapore non è sinonimo di pentola a pressione. Qualunque recipiente può essere adattato a questo metodo di cottura, purché sia dotato di coperchio con buona tenuta e di un cestello che non faccia venire a contatto le pietanze con l'acqua.

La cottura a vapore comporta perdite bassissime di vitamine e minerali e i cibi mantengono pressoché inalterati sapori e aromi. L'azione del vapore, inoltre, permette il mantenimento di una temperatura costante con un conseguente contenimento dell'energia necessaria per la cottura.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta