2019/09/21 14:02:1419071
2019/09/21 14:02:1448272

CONSIGLI UTILI

Come riparare un vecchio armadio

LEGGI IN 2'

È decisamente tempo di riporre in modo più o meno ordinato coperte, piumoni e maglioni di lana. Di riaprire ante dell’armadio che avevamo dimenticato. Sarà successo anche a voi di trovare, magari sotto cumuli di vestiti, una mensola del vostro armadio che sta cedendo o che è già caduta sotto al gran peso. Per me, questo spiacevole imprevisto, è stato il pretesto per ridare una nuova vita al vecchio armadio della nonna, con un risultato e una soddisfazione che davvero non mi sarei aspettata.

Partiamo però dal lavoro principale, quello che prevede la ristrutturazione della struttura di sostegno della mensola.

Per la riparazione occorre avere a disposizione:

  • un pezzo di legno tagliato della misura della mensola (o delle mensole) che andrà sostituita;
  • una stecca coprifilo;
  • Pattex Millechiodi Forte&Rapido.

Per prima cosa andranno smontate le ante e l’interno dell’armadio andrà ripulito dalle vecchie fughe delle mensole o dai sostegni ormai vecchi. Potrebbe essere l’occasione per verniciare  e rinfrescare l’interno del vostro mobile, magari attaccando una carta da parati molto colorata se vi piace, oppure con una vernice trasparente che darà solo un effetto più pulito al legno. Io ne ho approfittato per accorciare, con un pannello di legno, la profondità del vano in modo da ricavare alcuni scomparti che fungessero anche da libreria e da alleggerire così la struttura molto grande e pesante dell’armadio.

Una volta procurato il materiale, la stecca coprifilo (solitamente utilizzata per i battiscopa) andrà tagliata con un seghetto in modo da ricavarne piccoli sostegni per la mensola, della lunghezza di circa 20 centimetri l’uno, a seconda della profondità del vano. Per ogni mensola ne serviranno due. I reggimensola così ricavati andranno attaccati alla parete interna con l’aiuto dell’adesivo Pattex Millechiodi Forte&Rapido, semplicissimo da utilizzare grazie al suo beccuccio di precisione.

Una volta che l’adesivo si è asciugato si potranno inserire i ripiani, semplicemente appoggiandoli ai reggimensola: Pattex Millechiodi Forte&Rapido dalla presa rapida e molto forte, infatti, farà da sostegno all’intera struttura. Se come me deciderete di non rimontare le ante e di lasciare aperti i vani, ora non vi resta che arredare il vostro armadio libreria con piante, libri e piccoli oggetti di arredo. A questo punto, riparato il danno e sistemate le mensole, potrete pensare, se è necessario, di riverniciare l’intera struttura del mobile con una vernice che dia luce a tutta la stanza. Nel mio caso ho utilizzato il bianco per coprire un vecchio bianco ormai ingiallito a causa del tempo. Un’idea semplice ma di sicuro effetto è quella di cambiare le maniglie, magari con dei pomelli di legno che, di certo, aiuteranno a rendere il vostro vecchio armadio un mobile nuovo! 

Lucrezia
Scritto da:

Lucrezia

Mi chiamo Lucrezia e sono una giornalista diciamo trentenne. Una laurea in conservazione dei beni culturali prima di capire che il mio mondo era nella comunicazione. Ho lavorato per anni in una redazione di provincia, in Umbria dove vivo dal 2002, prima per un quotidiano locale e poi per un mensile di cui ho gestito tutte le fasi, dall’ideazione alla stampa. Nel 2013 sono diventata mamma di Pietro e del mio blog www.ceraunavodka.it, in cui racconto di questa maternità inaspettata che mi ha stravolto la vita, a volte complicandola decisamente, e all’interno del quale intervisto mamme alle quali la maternità ha cambiato l’approccio con il lavoro. Attualmente mi occupo di social media e di uffici stampa, ho collaborato con diverse testate giornalistiche di arredamento, costume e comunicazione.

Il mio Blog

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.
Carmela

Mi piace il fai da te e spesso più che buttare.......cerco di riparare

3 anni fa

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicchi su “Prosegui con la navigazione”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Prosegui con la navigazione