INTERPRETAZIONE DEI SOGNI

Cosa significa sognare di gridare

LEGGI IN 2'

Un sogno spesso molto ansiogeno, che a tutti è capitato di fare almeno una volta, è gridare senza che la nostra bocca emetta un suono. Ma le urla altre volte sono invece così rumorose da rendere la situazione onirica ancora più inquietante. Il sognare di gridare è, di fatto, un’immagine onirica frequente ma non per questo banale.

Non solo, è anche talvolta complicata da interpretare, visto che le urla possono essere di disperazione, ma anche dolore o rabbia fino alla paura. Come sempre accade nei sogni, proprio le sensazioni e l’emotività del sognatore portano ad una corretta ricostruzione del significato e fanno trovare il famoso bandolo della matassa.

Le urla di disperazione sono, in genere, dovute al timore di ricevere brutte notizie nella vita reale ma anche uno sfogo in sogno per un periodo difficile che stiamo passando. Si può anche trattare di una reazione del nostro inconscio ad una situazione da svegli ci ha colti impreparati e le cui conseguenze spaventano.

Ma sognare di urlare può anche rappresentare il nostro bisogno di comunicare qualcosa che pesa e che dovremmo raccontare, ma che non riusciamo ad esprimere. Può essere per timore del giudizio altrui o perché, per altro genere di motivi, non possiamo condividere, una condizione che a livello interiore si manifesta con questo sogno.

Lo stress, la rabbia, la paura, il dolore che il sognatore vive nella vita di tutti i giorni, possono infatti trasformarsi in modo analogo in urla in sogno, quelle che non si concede da sveglio. Dall’altra parte c’è anche da dare un’interpretazione al gridare senza che venga emesso un sibilo, o che nessuno senta questo disappunto.

In questi casi è solitamente la frustrazione che c’è nella vita reale a dare adito a questo genere di sogni, che vanno appunto per analogia. Se da svegli ci sentiamo impotenti difronte ad una situazione che si sta dimostrando fuori dal nostro controllo, o anche poco considerati da qualcuno, ecco che nel sogno o non riusciamo ad emettere suoni, o non siamo uditi.

È possibile, nell’ultimo caso, che riteniamo la nostra opinione non sufficientemente importante o non presa in considerazione.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione