FIGLI

Soffocamento del bambino, quali sono le cause più comuni?

Il soffocamento causa in Europa la morte di 500 bambini l'anno. Quali sono le principali cause? Non solo oggetti di piccole dimensioni o giocattoli smontabili, ma soprattutto i genitori devono prestare attenzione al cibo.
LEGGI IN 2'

Il soffocamento è una delle principali cause di decesso dei bambini sotto i tre anni. Secondo i dati del Ministero della Salute, ogni anno ci sono circa 1000 casi che richiedono ospedalizzazione perché il bambino ha ingerito un corpo estraneo e sono circa 80mila i casi che invece devono essere comunque seguiti dal pediatra. Quali sono le cause principali? In testa alla classifica, il cibo.

Secondo i dati del registro SusySafe, più del 30% dei casi è provocato da ossa di pollo e lische di pesce, seguiti da noccioline (22%) e semi (16%). Non sono comunque questi gli alimenti più pericolosi, cioè quelli che si associano più spesso a esiti fatali. I più letali sono i würstel. In linea di massima i cibi pericolosi sono di piccole dimensioni, e dunque possono finire interi nelle vie aeree, o grandi dimensioni rispetto alla bocca e ai denti del bimbo e dunque difficoltosi da mangiare.

Attenzione agli alimenti rotondi, come uva, pomodorini e ciliegie, o dalla forma cilindrica, tipo carote, würstel. Occhio poi ai cibi duri e fibrosi, difficili da masticare per la dentatura di un bambino (spesso incompleta), ma anche quelli appiccicosi, difficili da rimuovere se aspirati, e quelli comprimibili (come i marshmallows). Altri prodotti, non alimentari, davvero molto pericolosi sono i giocattoli smontabili, le pile al litio, i magneti, i detersivi (dai saponi alle pastiglie per la lavastoviglie), i tappeti delle penne, le palline di ogni tipo e materiale, le monete, i ciondoli e i bottoni.

Come si può prevenire il rischio? Con 3 semplici regole:

1) pensare con la mente imprevedibile di un bambino

2) rendere più sicura la casa: per esempio controllare che in cucina, sotto il lavello, non ci siano le pasticche per la lavastoviglie e similari;

3) Adottare delle norme di sicurezza come applicare ai cassetti bassi le molle di sicurezza anti-apertura bimbo, soprattutto se al loro interno si trovano bottoni, spilli e aghi con filo.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicchi su “Prosegui con la navigazione”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Prosegui con la navigazione