SPUNTI ARTISTICI

Sacchetti profumati fai da te: come farli con le fragranze che ti piacciono

LEGGI IN 2'

I sacchetti profumati fai da te sono un classico sempre gradevole, da proporre come bomboniere, segnaposto, regali fatti a mano, profumatori per cassetti, armadi, biancheria e scarpe, accessori per l’auto, per il bagno o per il letto.

Per farli, puoi cucire gli involucri ed essiccare i fiori oppure comprare i materiali e assemblarli.

Cucire i sacchetti fai da te
Per realizzarli, basta ritagliare un rettangolo di stoffa, come la mussola, il cotone o il pizzo; piegarlo a metà e cucire i lati liberi, ad eccezione di quello corto superiore. Da qui, infatti, inserirai i fiori, le erbe e gli altri elementi profumati; quindi, potrai legare il sacchetto con un nastrino o un merletto.

Dunque, per le misure, calcola il doppio della larghezza finale e almeno mezzo centimetro per la cucitura. Ad esempio, puoi fare un sacchetto alto 10 centimetri e largo 5: in questo caso, comincia il lavoretto creativo da un rettangolo alto 10 e largo 10,05 o 11 centimetri.

In alternativa, acquista i sacchetti già rifiniti.

Essiccare i fiori per i sacchetti profumati
In commercio, trovi il pot pourri già pronto o i materiali essiccati da comporre come vuoi.

D’altra parte, è bello anche fare una passeggiata e raccogliere i fiori e le erbe che preferisci, nel rispetto della natura e delle regole, oppure fare un giro nel tuo giardino.

In linea di massima, raccogli i fiori al mattino, prima che il sole diventi troppo alto, o nel pomeriggio, quando il sole cala, dunque quando non fa né troppo caldo né il clima è troppo umido. Se vuoi saperne di più su quando cogliere i fiori, leggi questo articolo.

Per essiccarli, appendili a testa in giù al buio e al fresco se sono piuttosto carnosi; ma adagiali nella carta da cucina e riponili sotto un libro pesante, se sono piccoli e poco voluminosi e, quindi, si possono pressare.

A proposito dell’essiccazione, leggi qui se vuoi approfondire i diversi metodi.  

Come fare i sacchetti profumati fai da te
Una volta che hai gli elementi, ovvero fiori piccoli, petali, ma anche scorze di limone, erbe aromatiche, legnetti, semi, spezie, mettili in una ciotola e mescola.

Puoi anche versarvi qualche goccia di olio essenziale, ma senza esagerare per non incorrere nella nausea o altri effetti sgradevoli; oppure, puoi aggiungere un po’ di radice di iris tritata o in polvere perché il profumo duri più a lungo.

Dunque, per fare i sacchetti pot pourri, inserisci il mix degli ingredienti negli involucri di stoffa.

Quali fragranze scegliere
Evidentemente, puoi scegliere e combinare gli elementi profumati secondo il tuo olfatto. I sacchetti di lavanda sono il classico dei classici, ma puoi fare anche dei sacchetti di rose o camomilla o provare un mix di fragranze come quelle citate con altri aromi come melissa e calendula.

Qui altri spunti su quali fiori scegliere per il pot pourri.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta