NOTIZIE D

Il video musicale del mese: Rambla di Elodie featuring Ghemon, col testo originale

LEGGI IN 2'

OTTOBRE 2018 - La bella Elodie, cantante uscita dal talent Amici di Maria De Filippi, sta collezionando singoli di un discreto successo, ma anche una serie di collaborazioni con altri autori che le stanno permettendo di ampliare il proprio pubblico di affezionati. I suoi fan? In perenne visibilio, perché lei è brava e piace moltissimo ai giovani.

Non stupisce che Rambla, estratto dal terzo album in studio della cantante, con il suo accattivante video, usciti in simultanea il 12 ottobre scorso, abbia macinato subito più di 154mila visualizzazioni in pochi giorni, entrando di diritto nelle tendenze di YouTube, grazie anche ai "mi piace" ricevuti.

Rambla è una canzone dal ritmo dance pop coinvolgente e sebbene parli di una storia d'amore nata nella movida di Barcellona, la della clip si svolge interamente al chiuso durante una festa. Di seguito il video ufficiale della canzone e il testo originale.

 

Rambla di Elodie feat. Ghemon, testo

È un anno che perdo la strada di casa
se provo a ritornare
più niente mi resta nel cuore
nemmeno le frecce di un cacciatore
Siamo fuochi dentro una città

ma bruciamo solo di domenica
andiamo a ballare ogni volta è un po’ come morire
ma poi chiudo gli occhi e ti vedo
sei bello come un sole nero
mi servi come un sombrero
nel centro di città del Messico
è vero l’amore è come un buco nero
io sono il regno tu l’impero
che ci colpisce ancora
e ci accompagnerà

Fuori dalla Rambla
stiamo scrivendo il nostro libro della giungla
dimmi come ti chiami
Fuori dalla Rambla
tutto le facce mi ricordano la stessa
e questa è la mia festa

È un anno che ascolto la stessa canzone
se provo a ricordare
che cosa rimane che cosa ci fa stare bene
delle persone
ti vedo
sei bello con il cuore nero
sei bello con il sombrero
nel centro di città del Messico
l’amore è grande come un cielo nero
meno di un regno più di un impero
che ci colpisce ancora
e ci accompagnerà

Fuori dalla Rambla
stiamo scrivendo il nostro libro della giungla
dimmi come ti chiami
Fuori dalla Rambla
tutto le facce mi ricordando la stessa
e questa è la mia festa

Ghemon: Ti ci vuole tale vita da troppo tempo
e si che questa storia dall’inizio è stata un viaggio turbolento
ma tu sei la mia costante fonte di orientamento
anche se quando ti guardo e mi guardi mi perdo
sono nel vento
non ti do punti di riferimento ma sai a chi penso prima che mi addormento, a te
e se le stelle ci diranno che è il momento
l’asfalto sarà il nostro pavimento, in movimento

Fuori dalla Rambla
stiamo scrivendo il nostro libro della giungla
dimmi come ti chiami
Fuori dalla Rambla
tutto le facce mi ricordando la stessa
e questa è la mia festa

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione